Visualizzazione dei risultati da 1 a 11 su 11

Discussione: Imam Ro37 del museo di Vigna di Valle in restauro

  1. #1

    Smile Imam Ro37 del museo di Vigna di Valle in restauro

    fonte: sito A.M.

    10/05/2010 - Lunedì 3 Maggio, presso il Circolo di Presidio dell’Esercito Italiano di Palazzo Cusani in Milano, è stato esposto, per la prima volta, il relitto del velivolo Ro.37, uno dei biplani di produzione italiana degli anni ’30 venduti nel 1937 alla Forza Aerea Afghana. Si tratta dei resti di un velivolo fortunosamente rinvenuto nel 2006, presso Kabul, da una pattuglia di militari del contingente italiano.

    Grazie ad una felice comunione d’intenti tra l’Aeronautica Militare e l’industria Finmeccanica, il Romeo Ro.37, all’epoca costruito a Napoli dalla società IMAM Romeo, progenitrice proprio dell’attuale Finmeccanica, potrà essere avviato ad una complessa attività di restauro il cui risultato finale, previsto per la fine del 2011, consentirà di disporre nuovamente in Italia presso il Museo Storico dell'A.M. di Vigna di Valle (Roma), dopo oltre settant’anni dalla partenza per l’Afghanistan, di un patrimonio aeronautico davvero unico al mondo.

    L’esposizione del relitto è stata effettuata a Palazzo Cusani nell’ambito della presentazione del libro di Guido Moltedo “E l’Italia prese il volo. Vita di Renato Bonifacio”, nel quale l’autore descrive non solo la biografia di un grande manager ma rappresenta lo spaccato di un’epoca industriale che l’ingegnere napoletano portò all’eccellenza, riuscendo a creare da un gruppo di imprese, pur con diverse strategie, un unico polo aeronautico in grado di competere sia in Europa che negli stati Uniti.

    All'evento hanno preso parte, tra gli altri, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Vincenzo Camporini, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Valotto, ed il dott. Pier Franceso Guarguaglini, Presidente e Amministratore Delegato di Finmeccanica.

    Per l'Aeronautica Militare, erano presenti il Sottocapo di Stato Maggiore, Generale di Squadra Aerea Maurizio Lodovisi, ed i vertici del IV e V Reparto dello Stato Maggiore e quelli dell’aeroporto militare e Museo Storico dell'A.M. di Vigna di Valle.

  2. #2
    Senior Member L'avatar di james84
    Registrato dal
    Mar 2007
    residenza
    Roma, Lazio.
    Messaggi
    9,274

    Predefinito

    Quando sono andato a Vigna due anni fa il relitto era esposto nel secondo hangar

  3. #3

  4. #4
    Socio 2014 L'avatar di UM78
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    Al bar di Mendrisio per un referendum
    Messaggi
    8,829

    Predefinito

    Bella storia ed anche il lieto fine.
    Bello anche il restauro.
    Li hanno portati a casa tutti?

  5. #5
    Senior Member L'avatar di vipero
    Registrato dal
    Oct 2007
    residenza
    .
    Messaggi
    3,592

    Predefinito

    http://www3.varesenews.it/gallarate_....php?id=223685

    Dopo quasi settant’anni e una storia da film d’azione è stato presentato oggi, sabato 21 gennaio, il velivolo storico RO 37bis a Volandia, Parco e Museo del Volo che sorge, dal 2007, accanto all’aeroporto di Malpensa (Terminal 1).
    Il velivolo, restaurato e di proprietà dell’Aeronautica Militare, è un pezzo unico al mondo.
    Il RO 37bis è un velivolo caccia da ricognizione e bombardamento degli anni 30 e rappresenta un vero e proprio pezzo di storia militare e industriale italiana e resterà esposto temporaneamente al Parco e Museo del Volo - Volandia per poi andare in esposizione permanente al Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle (RM).
    "Il ritorno del Ro.37bis, come tutto ciò che testimonia i periodi storici passati, ha un fondamentale valore per la Forza Armata. Anche questo velivolo, che pensavamo ormai perduto, è un tassello di quel “continuum” di valori, di tradizioni, di sacrificio sul quale l'Aeronautica Militare fonda il proprio codice genetico", ha affermato il Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis, Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. "E’ un onore ospitare nei prossimi mesi un pezzo unico al mondo come questo" spiega il direttore Francesco Reale "ciò attesta quanto il Parco e Museo stia crescendo e diventando un punto di riferimento sempre più importante nel panorama internazionale. Inoltre" – ha detto ancora il direttore – "testimonia la grande sinergia che si è venuta a creare con l’Aeronautica Militare che presenta fuori della sede del museo di Vigna di Valle un proprio velivolo, consolidando così la collaborazione tra pubblico e privato per la diffusione della cultura aeronautica in Italia e nel mondo". Il restauro è stato reso possibile grazie al ritrovamento, su segnalazione di diversi appassionati e storici, di diverse carcasse di RO 37bis in un deposito di rottami nella periferia a nord est di Kabul.
    Il Romeo RO 37 è stato il più diffuso velivolo da osservazione aerea italiano nella seconda metà degli anni ‘30. Fu costruito in 621 esemplari per le squadriglie della Regia Aeronautica, prestando servizio su tutti i fronti e in tutte le campagne. Nel 1937 l’Aeronautica afgana ne acquistò 16 esemplari della versione RO 37bis con motori radiali Piaggio P.IX da 550 cavalli. Il RO 37bis rappresenta anche un pezzo di storia industriale italiana. L’azienda che lo ha costruito, la napoletana Romeo, si è trasformata negli anni sino a divenire l’attuale Alenia Aermacchi.

  6. #6
    Member L'avatar di Ennio
    Registrato dal
    Sep 2006
    residenza
    Dossobuono, Veneto.
    Messaggi
    1,055

    Predefinito

    Eccolo visto da vicino a Volandia.. con un ottimo restauro.



    Ciao

  7. #7
    Senior Member L'avatar di vipero
    Registrato dal
    Oct 2007
    residenza
    .
    Messaggi
    3,592

    Predefinito

    una dove si vedono i clindri ce l'hai?

  8. #8
    Member L'avatar di Ennio
    Registrato dal
    Sep 2006
    residenza
    Dossobuono, Veneto.
    Messaggi
    1,055

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da vipero Visualizza il messaggio
    una dove si vedono i clindri ce l'hai?
    no, mi spiace, ciao

  9. #9
    Bannato
    Registrato dal
    Feb 2012
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Dedicato a David Collins, curator defunto del Newark air Museum UK.
    Caro David,
    quando in Italia impareranno a mettere in piedi un museo aeronautico degno di tale nome, promettimi...tornerai dal Paradiso e verrai a visitarlo con me.

    Vigna di Valle: visitato 4 volte
    Rimini Parco tematico: visitato 3 volte
    Caproni Trento: visitato 2 volte

    Fulgidi esempi di mancanza di progettualità oltre che di fondi ( a discolpa dei tanti volontari che si spendono per restauri clamorosi )

    Il primo è terrificante, cupo, triste...sembra di entrare in un luogo di culto. Non vi è multimedialità, non vi sono aeroplani visitabili...penoso sembra un museo di sculture volanti. E l'esterno?? Nessun ambientamento, nessuno che abbia pensato di ficcare un idrovolante nel laghetto ad memoriam, i pochi survivors che scoloriti invecchiano....

    Il secondo è ricco di warriors e veterans e di ogni ben di Dio aeronautico...ma senza fondi ogni oggetto esposto è destinato alla ruggine...e perchè i Comuni limitrofi non se ne innamorano e danno una mano ai poveri eroi che lo hanno messo su? Perchè non vi è amore patrio.

    Il terzo è solo un cioccolatino.


    Dimenticavo,...Piana delle Orme Latina, due aerei in giardino che si mettono in funzione con 2 euro al minuto.....sembra il Luna Park degli anni 50.

    Andate o signori a visitare Duxford, Newark, Yeovilton, Cosford, Hendon.....poi sentiamoci.

  10. #10
    Member
    Registrato dal
    Feb 2011
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    577

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da arkiantonio Visualizza il messaggio
    Dedicato a David Collins, curator defunto del Newark air Museum UK.
    Caro David,
    quando in Italia impareranno a mettere in piedi un museo aeronautico degno di tale nome, promettimi...tornerai dal Paradiso e verrai a visitarlo con me.

    Vigna di Valle: visitato 4 volte
    Rimini Parco tematico: visitato 3 volte
    Caproni Trento: visitato 2 volte

    Fulgidi esempi di mancanza di progettualità oltre che di fondi ( a discolpa dei tanti volontari che si spendono per restauri clamorosi )

    Il primo è terrificante, cupo, triste...sembra di entrare in un luogo di culto. Non vi è multimedialità, non vi sono aeroplani visitabili...penoso sembra un museo di sculture volanti. E l'esterno?? Nessun ambientamento, nessuno che abbia pensato di ficcare un idrovolante nel laghetto ad memoriam, i pochi survivors che scoloriti invecchiano....

    Il secondo è ricco di warriors e veterans e di ogni ben di Dio aeronautico...ma senza fondi ogni oggetto esposto è destinato alla ruggine...e perchè i Comuni limitrofi non se ne innamorano e danno una mano ai poveri eroi che lo hanno messo su? Perchè non vi è amore patrio.

    Il terzo è solo un cioccolatino.


    Dimenticavo,...Piana delle Orme Latina, due aerei in giardino che si mettono in funzione con 2 euro al minuto.....sembra il Luna Park degli anni 50.

    Andate o signori a visitare Duxford, Newark, Yeovilton, Cosford, Hendon.....poi sentiamoci.
    Sono stato a Duxford! WOW!
    Ma voglio spendere una parola per le capacità dei nostri restauratori: Bravi!

  11. #11

    Predefinito Re: Imam Ro37 del museo di Vigna di Valle in restauro

    Ciao intervengo per la 1a volta nel forum,non ho trovato la sezione dove eventualmente presentarsi,mi scuso del problema,ma ho visto questa interessante sia pur "vecchia"discussione,lavorando come volontario dal 2010 al museo di Volandia ho seguito tutte le fasi del restauro di questo aereo,grazie anche a una vecchia amicizia con i restauratori,l'amico chiedeva foto del motore,io sono anche un modellista statico e sul sito del mio club:www.ipmslegnano.it ci sono foto che potrebbero essere utili.marco

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •