Visualizzazione dei risultati da 1 a 23 su 23

Discussione: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

  1. #1

    Predefinito Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Il 29 luglio, ad Adelaide, è successo questo:

    Incident: Malaysia A333 at Adelaide on Jul 29th 2014, rejected takeoff

    A Malaysia Airlines Airbus A330-300, registration 9M-MTH performing flight MH-136 from Adelaide,SA (Australia) to Kuala Lumpur (Malaysia) with 167 people on board, was accelerating for takeoff from Adelaide's runway 05 when tower cancelled the takeoff clearance. The crew rejected takeoff at low speed and stopped the aircraft on the runway.

    Tower appologized that a Tiger Airways Airbus A320 on approach had been too high and too fast on approach and went around, tower wanted to make sure the A330 didn't climb underneath the go-around and explained that takeoff clearance occurred when the A320 was about 5nm out, sufficient space for the departure, but was still maintaining 200 knots.

    According to radar data a Tiger Airways Airbus A320-200, registration VH-VNC performing flight TT-449 from Melbourne,VI to Adelaide,SA (Australia), was on a 6nm final to runway 05 descending through 2300 feet MSL at 170 knots over ground, the aircraft went around from below 1250 feet MSL. The aircraft landed safely on its second approach to runway 05 about 12 minutes later.

    The crew of the A330 decided to return to the holding point of runway 05, departed about 25 minutes after rejecting takeoff and reached Kuala Lumpur with a delay of 10 minutes.

    http://www.avherald.com/h?article=4780ac66&opt=0






    L'edizione online del Corriere della Sera di oggi pubblica questo articolo:

    Volo Malaysia, decollo interrotto
    Rischio collisione con altro aereo

    Paura a bordo dell’MH-136. Il velivolo stava per staccarsi dalla pista quando ha ricevuto l’ordine perentorio di fermarsi. Era sulla rotta di un Tigerair

    Stava per staccarsi dalla pista per decollare quando dalla torre di controllo di Adelaide, Australia, è arrivato l’ordine di fermarsi immediatamente. Sulla stessa sua rotta c’era un altro aereo , della compagnia australiana Tigerair con rischio collisione altissimo. Il volo 136 della Malaysia Airlines Flight diretto a Kuala Lumpur ha bruscamente frenato , ha ridotto la potenza dei motori per poi fermarsi. Grande paura a bordo per i 167 passeggeri. Un incidente mancato che coinvolge ancora una volta la Malaysia Airlines. Una vera e propria maledizione sembra aver colpito la compagnia di bandiera della Malesia che ancora non si è ripresa dalla doppia tragedia , quella del volo sparito sull’Oceano e quella più recente del boeing abbattuto sui cieli dell’ucraino. sembra davvero bersagliata da una maledizione. Ad Adelaide i servizi di sicurezza aeroportuali hanno cercato di sminuire l’episodio, sottolineano che la vita di nessun passeggero è stata minimamente a rischio e nessuna inchiesta è stata aperta.

    http://www.corriere.it/esteri/14_lug...d9bb784c.shtml




    Capisco che a Kuala Lumpur al momento abbiano ben altro a cui pensare, ma al posto loro manderei a Milano l'ultimo sguattero del loro ufficio legale per fargli vedere i sorci verdi.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  2. #2

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Certo che cancellare il decollo con aeroplano già in corsa per un traffico che manca a cinque miglia……bah…..

  3. #3

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Pensa, ho scritto un commento proprio su questo 1h fa, non me l'hanno ancora pubblicato....
    Il fu Bandit

  4. #4

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da Radar_Contact Visualizza il messaggio
    Certo che cancellare il decollo con aeroplano già in corsa per un traffico che manca a cinque miglia……bah…..
    Ti sbagli: nell'articolo lo specificano chiaramente come il rischio di collisione sia stato "altissimo", e come questo "incidente mancato" abbia giustamente infuso una "grande paura".

    Però consoliamoci: almeno ortografia, lessico e segni di interpunzione sono accurati.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  5. #5
    Senior Member L'avatar di BAlorMXP
    Registrato dal
    Feb 2006
    residenza
    Milano/Antwerpen
    Messaggi
    14,822

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Ehhhh lallero, se poi c'è MH di mezzo le cliccate sono assicurate. Cani!

  6. #6
    Socio 2015 L'avatar di nicolap
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Stromboli
    Messaggi
    27,888

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da aless Visualizza il messaggio
    Capisco che a Kuala Lumpur al momento abbiano ben altro a cui pensare, ma al posto loro manderei a Milano l'ultimo sguattero del loro ufficio legale per fargli vedere i sorci verdi.
    Sarebbe da prendere l'iniziativa noi di AC e far sapere a MH dell'articolo, con la speranza che facciano un culo col botto di danni all'autore. Deontologicamente, un criminale.
    Etiamsi omnes, ego non.

  7. #7
    Member L'avatar di pello
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    BGY
    Messaggi
    1,859

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Stravolgere una notizia...e creare una notizia che in realtà notizia non è:

    Puzza di bruciato sul volo per Ibiza
    Un passeggero: io c’ero, tanta paura


    Falso allarme a Orio al Serio. Dei passeggeri avevano avvertito degli odori acri, simili a quelli di bruciato, sul volo per Ibiza e l’aereo, come da corretta procedura, è stato subito evacuato. È successo allo scalo bergamasco con il volo di Ryanair per Ibiza delle 14.30 di mercoledì 30 luglio.

    Il fatto è accaduto quando il pilota ha aumentato i giri del motore del boeing 737-800 e alcuni viaggiatori hanno segnalato l’acre odore tanto che il volo è stato bloccato immediatamente e i passeggeri sono stati riaccompagnati allo scalo.

    Sul posto i vigili del fuoco di Bergamo che hanno effettuato tutti i controlli del caso: intorno alle 16.30 i passeggeri sono stati richiamati al gate e sono ripartiti pochi minuti dopo senza alcun problema.

    E sulla turbolenza partenza è arrivata in redazione una lettera di un nostro lettore che con la sua famiglia, dopo quanto accaduto, ha rinunciato al viaggio. «Mi trovavo sullo stesso volo con mia moglie e i nostri quattro bambini di 2, 4, 8, e 10 anni - scrive -. Come da prassi, all’orario prestabilito, siamo stati imbarcati sull’aereo e abbiamo presp posto come il resto dei passeggeri. Quando tutti i passeggeri erano a bordo, sono saliti sull’aereo quattro persone, tre tecnici, riconoscibili dalla dicitura apposta sulla giacca ad alta visibilità e un altro addetto dell’aeroporto. I tecnici sono entrati nella cabina e hanno armeggiato per 15/20 minuti: nel frattempo il capitano dava spiegazioni in inglese su quanto succedeva. Alla mia richiesta di una traduzione in italiano mi è stato risposto, in italiano, che la Ryanair è irlandese e che quindi non sono tenuti a parlare in italiano tantomeno il capitano che l’italiano non parla proprio».

    «Al termine delle operazione di questi tecnici lo stesso capitano ci comunicava, in italiano, che erano stati fatti dei controlli tecnici e che ci preparavamo a partire. Dopo circa dieci minuti di attesa l’aereo si spostava e si posizionava sulla pista di decollo dove dopo altra attesa cominciava a muoversi lentamente e il comandante ci comunicava che dovevamo ritornare al gate per un controllo tecnico - conclude il lettore -. Una volta fermi il comandante è uscito dalla cabina e una hostess si è avvicinata dicendogli in inglese che dei passeggeri in coda avevano sentito odore di fumo. Fuori c’erano i vigili del fuoco che aspettavano di salire a bordo. Non è stata una bella esperienza, soprattutto per chi aveva con sè dei bambini. Io e la mia famiglia abbiamo rinunciato a partire».

    http://www.ecodibergamo.it/stories/C...1_11/?attach_m

  8. #8

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    In Italia l'infotaiment è di rigore. Se una notizia è troppo noiosa bisogna speziarla.

  9. #9

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da aless Visualizza il messaggio
    Ti sbagli: nell'articolo lo specificano chiaramente come il rischio di collisione sia stato "altissimo", e come questo "incidente mancato" abbia giustamente infuso una "grande paura".

    Però consoliamoci: almeno ortografia, lessico e segni di interpunzione sono accurati.


    Ma io ero uno step avanti…stavo analizzando l'azione ATC!

  10. #10
    Amministratore L'avatar di enrico
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    Rapallo, Liguria.
    Messaggi
    14,617

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da nicolap Visualizza il messaggio
    Sarebbe da prendere l'iniziativa noi di AC e far sapere a MH dell'articolo, con la speranza che facciano un culo col botto di danni all'autore. Deontologicamente, un criminale.
    Esiste un ufficio in Italia\Europa MH a cui girare l'articolo?
    Ma si tratta di un pezzo firmato o del solito pezzo siglato "La redazione"?

  11. #11
    Member L'avatar di pello
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    BGY
    Messaggi
    1,859

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    direi che con questa battiamo tutto!

    la vicenda:

    Bloccati a Volos,
    Odissea per 150 persone
    prima di tornare a Orio


    Prolungare le vacanze di un paio di giorni. Un sogno che si può trasformare in un incubo se si è bloccati in aeroporto a causa di un guasto al radar. E' l'Odissea che stanno vivendo 150 persone ferme a Volos, sulla costa della Tessaglia, in attesa di ripartire per Bergamo. Il ritorno in Italia era previsto per mercoledì 30 alle 13, ma a causa di un guasto all'impianto radar Ryanair si è rifiutata di far atterrare l'aereo che avrebbe dovuto riportare tutti a casa.

    Dopo sette ore di attesa è stato comunicato ai 150 passeggeri che le alternative erano solo due: aspettare il primo volo (venerdì 1 agosto), oppure prendere un pullman diretto ad Atene e da lì, dopo quattro ore di viaggio, salire sul primo aereo. Trenta persone hanno deciso la seconda opzione. Agli altri “sventurati” invece è stata concessa una camera d'albergo a Volos e un biglietto per Orio al Serio con un volo in partenza venerdì.

    la vicenda raccontata da un viaggiatore:

    Trenta Luglio 2014, ore 12. Ho passato il controllo del gate ed attendo di imbarcarmi sul volo Ryanair FR4518 che da Volos, in Grecia, mi riporterà a Bergamo. Come me, altre 180 persone almeno: tutti turisti al rientro. Mia figlia Agata gioca con gli altri bambini - scalzi e seduti a terra. Una bimba svizzera viene richiamata dalla sdegnata mamma, rimessa a sedere sulle poltroncine, e le viene infilato un iPad sotto gli occhi. Nella sala dei check-in una coppia di vecchini, visibilmente affaticati, pesa con grande scrupolo il bagaglio a mano: 10 kili e sette. Lascia qui le salviette, dice lui con malcelata indifferenza. Con malcelata indifferenza lei le toglie e le ripiega, prima di infilarle in un cestino.

    L'aereo viene dapprima annunciato in ritardo, poi cancellato. Guasti al sistema radar dell'aeroporto viene detto. Circola voce di un bus che ci porterebbe ad Atene a prendere il primo volo disponibile. Ma la voce dell'altoparlante, confermata poi da un sms che tutti riceviamo da Ryanair stessa, gelano le attese: volo cancellato, clicca sul link per avere il rimborso, grazie ed arrivederci. Il messaggio ce ci sembra di percepire è: arrangiatevi. A raggiungere Atene o Salonicco o Patrasso, a trovare posto negli aerei già affollati da turisti al rientro, a pagare tutte le spese. Abbandonati a noi stessi, compresi i 20 bambini e qualche anziano che appariva già affaticato ben prima di questo inconveniente. Andiamo a chiedere delucidazioni alla ragazza del gate. Avrà vent'anni, ripete cortesemente e sempre più imbarazzata le stesse parole che lei stesso ha appreso dalla voce dell'altoparlante. I toni si scaldano, spesso supportati da un inglese improbabile, alcuni passeggeri protestano. Ma almeno il volo sostituivo è gratis o a pagamento? Il wifi non c'è, non si riesce ad avere maggiori informazioni. Non si sa. Non lo sa. La ragazza si dilegua intimorita.

    Si cerca un qualche responsabile con cui parlare, ma il desk Ryanair appare desolatamente deserto. Al desk "skyservice" - che scopriremo in seguito essere in sostanza della società che gestisce l'areoporto - ritrovavamo la ragazzina del gate, asserragliata lì assieme ad un altro inserviente di pochi anni più vecchio. Ci viene detto di lasciare l'aeroporto. La voce dell'altoparlante annuncia che i bagagli imbarcati sono pronti per il ritiro. Nessuno si muova, urla qualcuno. Restiamo uniti, proclama un po' enfaticamente un altro. E cosi senza sapere esattamente perché, nessuno esce dal gate. "Qui vige la legislazione internazionale" spiega un altro. Annuiamo, senza indagare meglio perché ci dovremmo preoccupare di ciò.

    Iniziano ad illuminarsi i display dei telefoni. Decine di minuti All Inclusive in roaming vengono spesi per spiegare ai parenti a casa che "sapevo io che non mi dovevo fidare del prezzo così basso", "c'è solo un bar e sono rimasti due panini in tutto", "di a Luigi che tornerò; non so come, ma giuro che ce la farò". La famiglia di svizzeri intanto non c'è più: il biondo capofamiglia ha subito noleggiato un'auto e sono partiti, probabilmente alla volta di Salonicco, da cui, si dice, sul volo di domani restano ancora pochi - e poco economici - posti. Pochi altri seguono il loro esempio.

    Nei volti si legge parecchia rabbia. Una ragazza piange. Vedo un capannello da cui giungono delle grida, mi avvicino, un grasso uomo sudato che non avevo mai visto finora ordina in malo modo ai miei compagni di uscire dal gate. Qualcuno gli urla in inglese una frase che stento a capire, ma il tono è sufficiente per farsi intendere. Aggiungo urlando che noi non usciamo, se lo scordino. Il ciccione mi risponde "I am the police", e solo perché non ci credo gli urlo qualcosa d'altro che non ricordo ma sicuramente non amichevole e probabilmente non opportuno da dire ad un poliziotto greco. Si scoprirà poi che il tizio è davvero uno della sicurezza aeroportuale, che inizia a sorvegliarci sempre più numerosa.

    Qualcuno si occupa di avanzare richieste al desk di SkyService. Non ce ne andiamo se Ryanair o l'aeroporto non ci organizzano un volo alternativo, non ci procurano i bus, gli hotel e i pasti. Ai due ragazzini vengono presto affiancati altri due funzionari evidentemente più preparati, richiamati in servizio con urgenza. Prime concessioni, vi rimborseremo le spese. Fischi sdegnati, noi non anticipiamo nulla. Solo i due vecchini stanno seduti in disparte, visibilmente affaticati.

    Spunta un elenco di numeri telefonici di ambasciate e consolati Italiani in Grecia: il solito turista previdente che pensa a tutto prima di partire. I telefonini ora digitano numeri con prefissi greci. In consolato risponde la segreteria telefonica. L'ambasciatore è irraggiungibile, il centralinista dispensa altri numeri a cui fare riferimento. Pare esista a Volos stessa una "vice console onoraria". Ci si mette sulle sue tracce.

    Intanto l'unico barista dei due bar presenti nell'aeroporto fa la spola nervoso tra il primo e il secondo. Pare che qualcuno inizi ad espropriare i generi di conforto che solitamente vengono distribuiti in questi casi - alcuni attendono qui ormai da sei ore. Alla fine mancheranno all'appello alcune scatole di biscotti e due bottigliette di ouzo.

    Bene così. Lo sguardo dei poliziotti parla da se: ci prendono per sfinimento, pensando che tra poche ore sgombreremo autonomamente con le pive nel sacco, per rifugiarci in qualche hotel di bassa categoria. Dobbiamo divenire un problema per l'aeroporto, per Ryanair, per la torre di controllo, per l'universo intero. Suggerisco ad una anziana signora di rovesciare un tavolino del bar spargendo così lo zucchero sul pavimento. A lei non possono fare nulla signora, io mi troverei subito rinchiuso nel locale di polizia. Ho la faccia così pacifica? risponde lei. Si ride. L'obiettivo politico intanto si è delineato: di qui non ci muoviamo finché Ryanair non manda un aereo a prenderci.

    Intanto ha risposto al telefono nientemeno che l'unità di crisi della Farnesina. Filosofeggiano sulla scarsa affidabilità delle compagnie lowcost. Gli si ricorda che sono pagati per tutelare i cittadini europei vittime dei soprusi delle multinazionali, che se ne infischiano dei diritti aquisiti e ratificati in decine di codici e leggi. E che non pagano le tasse in Italia. Incassano, si prodigheranno, o perlomeno capiscono che non è aria.

    Recupero un foglio e una penna. Raccolta email personali. Dobbiamo restare uniti anche quando saremo a casa, per richiedere i rimborsi spese, per rivolgerci ad altroconsumo, chissà, per una class action.
    Intanto si registrano i primi segnali di crisi del sistema. Il nostro portavoce - una turista sudamericana che parla correntemente inglese e greco, oltre ad altre quattro lingue - comunica che l'aeroporto sta cercando di organizzare un volo per domani, che ci porterà tutti a casa. Devono ottenere i permessi, le autorizzazioni, i nulla osta…. però ci rinfranca. Ci chiama anche l'ambasciata. Si informa. Ci rassicura che. Farà il possibile per. Altre invettive. Altre promesse. Avanti così.

    I bambini hanno organizzato una partita di calcio nella sala dei checkin: Italia-Grecia. Il pallone finisce spesso contro le vetrate, facendole vibrare visibilmente. I funzionari non osano obiettare anche se il loro sguardo parla da se. Turisti divertiti filmano con i telefonini, interrompendo per un po' le affannose e bollenti comunicazioni con l'intero arco istituzionale italico di stanza in Grecia.

    Arriva la notizia che Ryanair, in diretta telefonica dall'Irlanda, comunica alla ormai stremata funzionaria di scendere a patti. Priorità alle famiglie con bambini: saranno trasportati ad Atene per prendere il volo delle 6,15. Sospiri di sollievo dei genitori. Delusione dei bambini che ancora non hanno terminato il match. Ma ancora non è chiaro se il bus sarà gratis, se è previsto l'hotel della notte. La nostra portavoce avanza le richieste, inflessibile, enunciandole correttamente nella lingua più consona al funzionario di turno. La ragazza di prima scoppia nuovamente in lacrime; non può vantare prole, ma non ne può evidentemente più di vita da ombrellone. Implora di poter essere imbarcata con le famiglie. Non paiono esserci problemi di sorta, tranne che per il giovane fidanzato che la colpevolizza pubblicamente di usurpare il posto a qualche bambino. Plateale crisi di coppia ricomposta da un poliziotto greco dal cuore tenero e dall'inglese improbabile. Abbracci e lacrime dei due fidanzatini. Sul bus ci saranno anche loro. I due vecchini affaticati in disparte osservano e attendono.

    Si creano le prime crepe nel fronte interno. Bene i bambini, ma così ci dividono. Se ci dividono ci fregano. Non dovete accettare, decretano i più duri, finché non viene trovata la soluzione per tutti quanti. Mia figlia è sveglia da dodici ore, risponde con tono colpevole una mamma che ha appena ottenuto il nuovo volo. Tenetevi il vostro aereo, io resto qui finché non arriva il console, proclama un'altra mamma tra gli applausi.

    Si sparge la notizia che il viceconsole onorario di Volos arriverà a brevissimo. E' pure avvocato, dicono i bene informati. In base a quale supposta "onorificenza" uno dovrebbe essere nominato vice console, chiedono i più diffidenti. E se c'è un vice, perché non c'è un console - spacca il capello in quattro un altro.

    Passano le ore e nessun console o suo facente funzione si vede, e non si vede nemmeno il bus che dovrebbe portare le famiglie ad Atene. Si è concordato che nessuno partirà da qui senza che tutti abbiano un biglietto sostitutivo in mano. Sono le 19, ma la stanchezza è più dei funzionari dell'aeroporto che nostra, galvanizzati dalla battaglia. E dalla partita di pallone, che prosegue senza soste e senza, fortunatamente, vetri infranti. Sta vincendo l'Italia anche su questo campo.

    Ryanair cede a tutte le richieste, per bocca di una funzionaria arrivata da pochi minuti. Entro venerdì sarete tutti riportati a casa, chi partendo da Atene, chi da Volos, chi da Salonicco. Ma ci pagate gli hotel, le urlano. E i bus, incalzano. E non anticipiamo le spese, drastici. Lei annuisce, assicura, garantisce. Qualcuno filma la scena con lo smartphone. Who guarantee us? Inferiamo. Come si chiama lei? I want the consolate. I want a timber on a sheet of paper. "Verba volant, scripta manent" - è la sentenza che suggella l'apice della diatriba. Non distinguo greco moderno e antico, ma mi piace pensare che le parole che la sconvolta funzionaria borbotta dietro di se andandosene siano massime di Aristarco di Samotracia.

    Resta il fonte più intransigente: non cediamo, Ryanair deve mandare qui un aereo e portarci via tutti assieme. Ma si capisce che è impossibile, e quello ottenuto ci pare già segno di una grande vittoria. Chissà, anche se non lo ammettiamo, qualcuno forse è contento di farsi un giorno di vacanza aggiuntivo a spese degli irlandesi. Girano ancora voci incontrollate - attenti, ci han detto da dove partiamo ma non dove arriviamo, ho sentito che sbarcheremo a Ciampino, ma la colazione è pagata?

    Arriva finalmente il viceconsole onorario di Volos. Fa capire i grandi meriti che la diplomazia italiana ha avuto nel piegare le tracotanze Irlandesi. Capiamo che i telefoni roventi dalle parte di qualche ambasciata devono aver colpito nel segno. Gli vengono chieste garanzie, assicurazioni. Ma vedete l'affidabilità delle compagnie lowcost, si giustifica. Le viene ricordato che lei rappresenta noi cittadini e non le multinazionali. Annuisce imbarazzata.

    Arriva il bus. Ognuno di noi ha finalmente una soluzione, nel segno di uno scarabocchio a penna sulla carta d'imbarco ormai inutile. E il timbro? E se poi ad Atene ci chiedono soldi? E se venerdì l'aereo non c'è? Ma la sensazione è che più di così non ci sia modo di avere. Ma come, non ti fidi di Ryanair?, ironizza qualcuno. Cerco con lo sguardo i due vecchini affaticati, vorrei si imbarcassero sul bus; ma non li trovo, poi devo raccogliere i giochi di Agata sparsi sul pavimento.

    Il bus parte. Sono le 21. Ci attendono quattro ore di strada, due di sonno nel megahotel in cui saccheggeremo il bancone della colazione, prima di prendere un nuovo bus per l'aeroporto, alle 4 e mezza di notte e non senza aver recuperato l'ultima famiglia che ancora dormiva della grossa. E' quella della signora sudamericana che fungeva da mediatrice e interprete; è visibilmente stremata dal lavoro svolto. Infine due ore di volo. Il gruppo famiglie è a casa; con sole 18 ore di ritardo sul previsto. Gli altri seguiranno. Solo dei due vecchini non si avranno più notizie. Il poliziotto ciccione, sbuffando, troverà due asciugamani ripiegati in un cestino e null'altro. Siamo a casa, le vacanze sono finite, si torna al lavoro. Stanchi come e più di quando eravamo partiti, e col pensiero a quel prepotente del capufficio. Chissà, forse se rimanessimo uniti....

  12. #12

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Mamannaggiaallamiseria.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  13. #13
    Junior Member L'avatar di a319pisa
    Registrato dal
    Nov 2009
    residenza
    Pisa
    Messaggi
    110

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Che "capolavoro" letterario! Dovrebbero fare studiare questo testo a scuola invece del Decameron.




    Quando ho letto "I want a timber on a sheet of paper" mi sono pisciato addosso dalle risate!!!!!!!!!!!!!!!!!

  14. #14
    Amministratore L'avatar di kenyaprince
    Registrato dal
    Jun 2008
    residenza
    VCE-TSF
    Messaggi
    29,089

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Domani scrivo a mh

  15. #15
    Socio 2015 L'avatar di nicolap
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Stromboli
    Messaggi
    27,888

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    qualsiasi cosa abbiate letto sino ad oggi, inchinatevi di fronte al Pulitzer che vi propongo

    http://www.hitparades.it/le-10-compa...cure-nel-2013/
    Etiamsi omnes, ego non.

  16. #16
    Amministratore L'avatar di enrico
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    Rapallo, Liguria.
    Messaggi
    14,617

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da nicolap Visualizza il messaggio
    qualsiasi cosa abbiate letto sino ad oggi, inchinatevi di fronte al Pulitzer che vi propongo

    http://www.hitparades.it/le-10-compa...cure-nel-2013/
    Al di là del contenuto, se c'è una cosa che mi urta è la mania dilagante delle classifiche.

  17. #17
    Senior Member L'avatar di aa/vv??
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Up in the air
    Messaggi
    2,942

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Pello, ma la fonte dell'odissea dei "deportati2.0" in grecia? (Ma soprattutto. ... andarsene a rimini in macchina l'anno prossimo pare brutto?) Comunque mi pare un blog, così a naso. Perché non ha un minimo di obiettività.

  18. #18
    Senior Member L'avatar di aa/vv??
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Up in the air
    Messaggi
    2,942

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da nicolap Visualizza il messaggio
    qualsiasi cosa abbiate letto sino ad oggi, inchinatevi di fronte al Pulitzer che vi propongo
    http://www.hitparades.it/le-10-compa...cure-nel-2013/
    Io voglio volare con l'ottava classificata! La Hello Kitty airlines!

  19. #19
    Member L'avatar di pello
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    BGY
    Messaggi
    1,859

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da aa/vv?? Visualizza il messaggio
    Pello, ma la fonte dell'odissea dei "deportati2.0" in grecia? (Ma soprattutto. ... andarsene a rimini in macchina l'anno prossimo pare brutto?) Comunque mi pare un blog, così a naso. Perché non ha un minimo di obiettività.
    chiedo scusa, la notizia è: http://www.bergamonews.it/cronaca/bl...re-orio-193412

    il romanzo invece proviene dalla pagina facebook del poveretto, il cui link lo trovate nei commenti dell'articolo

  20. #20
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    30,830

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Da grande voglio fare il viceconsoleonorario di volos.

  21. #21

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da TW 843 Visualizza il messaggio
    Da grande voglio fare il viceconsoleonorario di volos.
    Mi sono chiesto se esistesse davvero. Ebbene esiste, ha un sito ed anche una pagina FB.

    http://viceconsolatoonorarioitaliavolos.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/pages/Vice-...182844?sk=info
    Ciao

  22. #22
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,639

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Ripesco il thread perchè oggi Repubblica ci informa che a Linate, dopo un bird strike in decollo, al volo AZ per Palermo delle 12.30 "La torre di controllo ha concesso subito l'autorizzazione e in pochi minuti l'aereo è atterrato senza problemi nella piazzola di parcheggio."


  23. #23

    Predefinito Re: Giornalismo aeronautico: come ti stravolgo la notizia

    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    Ripesco il thread perchè oggi Repubblica ci informa che a Linate, dopo un bird strike in decollo, al volo AZ per Palermo delle 12.30 "La torre di controllo ha concesso subito l'autorizzazione e in pochi minuti l'aereo è atterrato senza problemi nella piazzola di parcheggio."
    Il nuobo Airbus VTOL

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Se questo è giornalismo
    Da setIRSposition nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 10th July 2014, 23: 35
  2. Striscia la notizia e FR
    Da Cesare.Caldi nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 25th May 2006, 14: 20
  3. Una notizia risaputa
    Da I-ALEX nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 28th April 2006, 22: 56

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •