Pagina 38 di 38 primaprima ... 28363738
Visualizzazione dei risultati da 926 a 950 su 950

Discussione: Thread Alitalia - Giugno 2017

  1. #926

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da East End Ave Visualizza il messaggio
    Dato MIDT, JUN16-MAY15, EU->USA, DE POS (carriers >3%)

    LH 728,831 30.80 %
    UA 303,925 12.84 %
    DL 260,397 11.00 %
    AA 211,336 8.93 %
    AB 151,921 6.42 %
    BA 134,536 5.68 %
    KL 111,462 4.71 %
    AC 98,533 4.16 %
    AF 80,689 3.41 %

    TTL Bookings 2366568


    Dato MIDT, JUN16-MAY15, EU->USA, FR POS (carriers >3%)

    AF 407,987 28.78 %
    BA 146,712 10.35 %
    UA 105,880 7.47 %
    TS 101,759 7.18 %
    AC 99,957 7.05 %
    AA 91,622 6.46 %
    DL 72,334 5.10 %
    LH 67,356 4.75 %
    SE 50,036 3.53 %

    TTL Bookings 1417579


    Dato MIDT, JUN16-MAY15, EU->USA, ES POS (carriers >3%)

    IB 126,192 18.12 %
    AA 103,999 14.93 %
    DL 83,801 12.03 %
    UA 55,488 7.97 %
    BA 53,916 7.74 %
    UX 53,365 7.66 %
    AF 38,733 5.56 %
    LH 30,431 4.37 %
    KL 28,512 4.09 %
    AC 27,769 3.99 %
    TP 21,598 3.10 %

    TTL Bookings 696555


    Dato MIDT, JUN16-MAY15, EU->USA, GB POS (carriers >3%)

    BA 1,213,636 30.56 %
    VS 1,038,910 26.16 %
    UA 381,255 9.60 %
    AA 319,392 8.04 %
    DL 280,850 7.07 %
    AC 213,677 5.38 %

    TTL Bookings 3971835
    Grazie, molto interessante.

    Tra l'altro è la dimostrazione lampante del fatto di quanto certe opinioni diffuse non reggano alla prova dei dati di Fatto: Per quanto mi riguarda, per esempio, avrei giurato che AF/KLM aspirassero quasi sui livelli di LH....invece son ben distanti sia in Italia che nel resto di Europa. Per quanto riguarda L'Italia....mi sorprende relativamente il fatto che anche DL faccia meglio di AF/KLM insieme, mentre la Posizione di AZ avrei immaginato fosse addirittura un filino peggio. Tra l'altro noto che anche IB, in un mercato (ahinoi) ormai pienamente paragonabile al ns, si attesta più o meno sugli stessi livelli di AZ, pur non avendo la pesante ingerenza di un vicino scomodo come LH.

  2. #927
    Utente Registrato Nuovo
    Registrato dal
    Jun 2017
    Messaggi
    15

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    L'ultima virata per evitare il tracollo. Per anni quella di Alitalia è sembrata un'interminabile corsa per cercare di rimettere insieme i cocci. Corsa che allo stato attuale è risultata infruttuosa. Dal taglio delle rotte interne, alla carenza di aeromobili a lungo raggio, fino ai costi sproporzionati attribuibili ai carburanti, quelli relativi al nolo dei velivoli, e il tasto dolente degli esuberi, la compagnia affidata ora alle premure della trojka di commissari (Gubitosi, Laghi e Paleari) ha operato negli anni una lunga serie di scelte che si sono rivelate tristemente fatali. Scelte messe in fila, nero su bianco, all'interno di un documento messo a punto da un consulente aeronautico con un passato da manager di diverse compagnie aeree nazionali e internazionali, in possesso dell'AdnKronos.
    "I costi di Alitalia sono di almeno il 30% al di sopra di quelli delle altre compagnie - spiega il consulente aeronautico - parlo di legacies, aerolinee di bandiere, tipo Alitalia. Se il confronto si sposta a compagnie come Ryanair, parliamo del 60%".

    I CARBURANTI - Tra i principali sospettati delle cause del dissesto, come è noto, spiccano i costi legati al carburante. 700 milioni di euro, stando a quanto emerge dalla composizione dei costi riclassificati della gestione caratteristica di Alitalia, apparsa nell'ultimo bilancio depositato al 31/12/2015.

    Per il carburante, Alitalia avrebbe pagato circa il 20% in più dei valori di mercato di quel tempo. Costi generati anche da un problema di potenza dei motori di alcuni Airbus A320/216, precisa l'analisi. Nello specifico, nella flotta AZ risultano 33 aeromobili A320 equipaggiati con motori CFM56/5B6-3, un modello che solitamente viene montano su un aeromobile più piccolo, ossia sull'A319. Rispetto al motore standard con cui è equipaggiato l'Airbus A320, il motore B6 series ha una spinta inferiore, ossia 23.500 libre contro le 27mila del B4. Ciò significa che quando il velivolo decolla al massimo peso del decollo, il gradiente di salita tra i due motori è diverso. Tradotto in termini pratici, questi velivoli 'depotenziati’' raggiungono a pieno carico la quota di crociera ottimale in un lasso di tempo molto maggiore, 'pesando' sui costi sopportati dalla compagnia per il carburante.

    IL NOLO DEGLI AEROMOBILI - Per il leasing dei propri velivoli, nel 2015 Alitalia ha speso 600 milioni, con un rateo mensile del 15% maggiore rispetto alla media di mercato. Questo dovuto a condizioni economiche relative alle riserve di manutenzione e alle condizioni di riconsegna "assolutamente spropositate e fuori da ogni logica di mercato", si legge nell'analisi. Per il noleggio di alcuni aeroplani, Alitalia si serve della formula 'Wet Lease' o Acmi, ossia un modello di noleggio che include l'aeromobile, l'equipaggio, la manutenzione del velivolo e la sua assicurazione. Una formula, spiega l'esperto, "assolutamente antieconomica" poiché solitamente viene realizzata per dare la possibilità alle compagnie aeree di far fronte a eventuali avarie di un aeromobile della propria flotta, sostituendolo per un periodo di tempo con un aeromobile operato da un'altra compagnia. Un meccanismo messo in atto per tutelare i diritti del passeggero.

    Secondo l'analisi, Alitalia usa invece questa formula di noleggio con Etihad regional - la compagnia regionale svizzera Darwin - operando tratte che invece potrebbe operare in proprio con gli Embraer della propria flotta, con notevoli risparmi. Un esempio? Nel 2013 la compagnia ha pagato un costo orario Acmi pari a 2.200 euro/ ora volo su aeroplani Boeing 737/300 che sul mercato erano disponibili a 1.700euro/ora volo.

    LA MANUTENZIONE DEGLI AEROMOBILI - Altra principale causa del collasso di Alitalia è imputabile all'esternalizzazione della manutenzione, una scelta che ha contribuito a far lievitare i costi relativi alla manutenzione dei motori, alla cellula aeromobile, quelli per la manutenzione e la componentistica, ossia le attività che non sono effettuate direttamente sul velivolo e quelle sul motore in officina. "I contratti di manutenzione di Alitalia sono tutti fuori mercato, tutti a danno della compagnia - sottolinea il consulente aeronautico - molto onerosi, sia quelli di leasing sia quelli di manutenzione".

    Quanto alla manutenzione della cellula, i dati sono ancora più inquietanti. Per i velivoli di medio-corto raggio, Alitalia si serve di Atitech, società che fino al 2008 era controllata da Alitalia, poi privatizzata e quindi venduta a seguito del primo fallimento. La nuova Alitalia Cai entrò in Atitech con una partecipazione di minoranza. Per anni Alitalia ha pagato ad Atitech un costo "esorbitante" per la manutenzione della cellula degli aeromobili. 75 euro per ora di lavoro, poi ridotto a 55 euro. Una corretta gestione in house della manutenzione della cellula, specifica l'analisi, non supera invece i 40 euro per ora/lavoro. Per anni, Alitalia ha pagato quindi il doppio dei prezzi di mercato.

    Per contenere i costi legati alla manutenzione dei propri motori, ad esempio, sarebbe bastato puntare su Alitalia Maintenance System, l'ex officina motori di Alitalia, oggi fallita. Se Alitalia riportasse in house la manutenzione primaria dei propri aeromobili, sia la cellula sia il motore, si potrebbero risparmiare circa 120 milioni di euro annui rispetto a costi di manutenzioni sostenuti nel 2015, si legge ancora nel documento. Inoltre, verrebbero re-impiegati migliaia di lavoratori oggi in cassa integrazione.


    "Spropositati" anche i costi in overhead, ossi i costi indiretti, che ammontano a circa 635 milioni di euro, che includono oneri accessori per il personale (circa 60mln di euro), parcelle consulenti (40 mln), servizi finanziari, assistenza passeggeri e merci (74 mln), catering passeggeri, etc.

    ONERI ACCESSORI PER IL PERSONALE - Nel 2015, per i soli oneri accessori per il personale, Alitalia ha speso 60 milioni di euro. Dati che si riferiscono, ad esempio, agli hotel per gli equipaggi in sosta, per il training del persona, la mensa dipendenti e il vitto rimborsato agli equipaggi in sosta. Per quanto riguarda la formazione, Alitalia utilizza Etihad tramite la sua scuola Etihad Academy, scuola non riconosciuta Easa (l'agenzia europea per la sicurezza aerea che si occupa del controllo del settore aeronautico dell'Ue, ndr). "Perché si addestrino i piloti cadetti ad Abu Dhabi occorrono per forza i cosiddetti controllori esaminatori certificati Easa - afferma il consulente aeronautico - Si può supporre che Alitalia mandasse i suoi ispettori ad Abu Dhabi, magari pagando anche per i servizi che Etihad forniva, quando tutto questo poteva farsi a Roma. Solo di training Alitalia ha speso 50 milioni, e una parte di questa somma si sarebbe potuta risparmiare".

    Altro dato preoccupante sono i 40 milioni spesi in consulenza di terzi. Su altre voci, come catering o oneri diversi o sui costi per l'assistenza alle merci e ai passeggeri o sulle penalità pagate ad altri vettori, si sfiorano i 190 milioni di euro a carico di Alitalia. Cifre elevatissime che bisognerebbe verificare per capire a cosa si riferiscono.

    IL SISTEMA DI PRENOTAZIONE DEI BIGLIETTI - 100 milioni di euro sono imputabili al sistema di prenotazione e vendita dei biglietti. L'ex compagnia di bandiera per gestire le vendite ha acquistato di recente un sistema denominato 'Sabre', in sostituzione di 'Arco'. Una migrazione obbligata e imposta da Etihad al momento dell'ingresso nel capitale della nuova Alitalia. Implementare il sistema è costato 57 milioni di dollari, più 35 milioni di euro annui, se si considera il numero di passeggeri trasportati da Alitalia nell’anno solare, più la tassa a passeggero pari a 1,45 euro da riconoscere a 'Sabre' come prevede il contratto.

    DI CHI E' LA COLPA? - Che il collasso della compagnia sia imputabile, in larga parte, a scelte imprenditoriali sbagliate, non è certo un mistero. "Sono 20 anni che non nominano un manager di aviazione per gestire Alitalia - rimarca l'esperto - Il crac della compagnia è imputabile sia ai top management sia alla prima linea di manager che si sono succeduti in Alitalia. Il sindacato fa le sue richieste, certo, ma dall'altra parte ci sono poi i manager".

    GLI ESUBERI - L'analisi detta inoltre una linea diversa da quelle imboccate finora dall'ex compagnia di bandiera in merito ai dipendenti. Pensare di far tornare Alitalia in carreggiata puntando tutto sui licenziamenti è "fuori da ogni logica reddituale" tuona il professore. Tra i costi evidenziati nel bilancio, infatti, gli unici in linea con gli standard europei sono proprio quelli relativi al personale, oltre a quelli sostenuti per i diritti di sorvolo e aeroportuali. "Il costo del lavoro in Alitalia è forse l'unico costo in linea con le altre compagnie europee, se non addirittura più basso. Inoltre, i dipendenti Alitalia guadagnano decisamente meno rispetto a quelli di Lufthansa e Air France".

    Nel momento in cui scriviamo, il bilancio d'esercizio del 2016 non è ancora stato depositato dalla compagnia. Ma si parla già di perdite ingenti. "Da quello che si dice potrebbero essere 600 milioni - precisa il consulente - ma la cosa incredibile è che Alitalia parla di 200 milioni di perdite solo nei primi due mesi del 2017, con un patrimonio netto sceso a meno 40 milioni. Occorrerebbe capire come ha girato questo patrimonio netto".

    Nel frattempo è stata aperta la data room per i potenziali acquirenti, i 18 che hanno superato il primo esame. L'analisi dei conti e dei dati della compagnia si annuncia un passaggio fondamentale in vista delle offerte non vincolanti da formulare entro il 21 luglio, e sulle quali si delineerà il programma dell'amministrazione straordinaria, quindi il nuovo piano industriale e la presentazione, entro ottobre, delle offerte vincolanti.
    Ma con una situazione del genere, quanto tempo ci vorrebbe per far tornare la reddituale la compagnia? "Un bravo manager ci metterebbe sei mesi - commenta l'autore dell'analisi - si può fare un buon lavoro. Non è un caso che siano arrivate molte offerte, Alitalia fa gola a molti". Quanto alla possibilità di vedere Alitalia a pezzi, il consulente la considera un'ipotesi scellerata. Ciò significherebbe "il bagno di sangue dei 6-7mila dipendenti che andranno in cassa integrazione" sottolinea. Così come sarebbe da escludere l'eventualità di Alitalia di uscire da Skyteam, l'alleanza delle compagnie aeree della quale Alitalia fa parte dal 2001. "Non dovrebbe uscire da Skyteam, che è un'alleanza importante - conclude - ma certamente dovrebbero rinegoziare e trovare delle soluzioni, gli accordi dentro Skyteam andrebbero tutti rivisti da persone competenti".

  3. #928
    Utente Registrato Nuovo
    Registrato dal
    Jun 2017
    Messaggi
    15

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Articolo di adn kronos

  4. #929
    Moderatore L'avatar di BGW
    Registrato dal
    Mar 2008
    residenza
    Roma
    Messaggi
    2,559

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da ripps Visualizza il messaggio
    "Sono 20 anni che non nominano un manager di aviazione per gestire Alitalia - rimarca l'esperto -
    Ball?
    London Heathrow is a state of mind

  5. #930
    Socio 2015 L'avatar di flyboy
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    Milano
    Messaggi
    3,853

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Prendendo spunto dall'articolo appena postato, vorrei fare una domanda ad Efato relativamente alla migrazione da Arco a Sabre: il contratto stipulato da Alitalia è stato fatto a valore di mercato, o il costo pattuito è sopra la media?

  6. #931

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da BGW Visualizza il messaggio
    Ball?
    In realtà voleva dire non di estrazione sindacale... come é il taglio dell'articolo che dimentica di citare il nome del professore.

  7. #932

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Ho la sensazione che l'articolo sopra postato non si discosterà di molto dalla relazione dei Commissari in cui dovranno illustrare "le cause del dissesto".

  8. #933
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    28,553

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da ripps Visualizza il messaggio
    problema di potenza dei motori di alcuni Airbus A320/216, precisa l'analisi. Nello specifico, nella flotta AZ risultano 33 aeromobili A320 equipaggiati con motori CFM56/5B6-3, un modello che solitamente viene montano su un aeromobile più piccolo, ossia sull'A319. Rispetto al motore standard con cui è equipaggiato l'Airbus A320, il motore B6 series ha una spinta inferiore, ossia 23.500 libre contro le 27mila del B4. Ciò significa che quando il velivolo decolla al massimo peso del decollo, il gradiente di salita tra i due motori è diverso. Tradotto in termini pratici, questi velivoli 'depotenziati’' raggiungono a pieno carico la quota di crociera ottimale in un lasso di tempo molto maggiore, 'pesando' sui costi sopportati dalla compagnia per il carburante.
    Incredibili i danni che è riuscita a fare, e che continua a fare, l'eredità del "gioiellino" (Fratelli Fly, op.cit.) Air One!

  9. #934
    Junior Member L'avatar di OneShot
    Registrato dal
    Dec 2015
    residenza
    Paris
    Messaggi
    494

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Sono un fuori da un po' dal giro degli ACMI, ma 2200 euro/h per un 737/300 mi sembra un prezzone. Immagino sia dry (carburante escluso) perché wet sarebbe almeno il doppio. I 170euro/h di cui all'articolo mi sembrano buttati li: forse il prezzo più basso di mercato, ma chi lo pratica? Su che "737" voli?

  10. #935
    Senior Member L'avatar di Tiennetti
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Campo di carote
    Messaggi
    3,220

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da OneShot Visualizza il messaggio
    Sono un fuori da un po' dal giro degli ACMI, ma 2200 euro/h per un 737/300 mi sembra un prezzone. Immagino sia dry (carburante escluso) perché wet sarebbe almeno il doppio. I 170euro/h di cui all'articolo mi sembrano buttati li: forse il prezzo più basso di mercato, ma chi lo pratica? Su che "737" voli?
    Ho pensato esattamente la stessa cosa... poi mi sono ricordato che nel 2015 AZA ha usato dei 737 BlueAir....
    David

  11. #936
    Utente Registrato Nuovo
    Registrato dal
    Apr 2017
    Messaggi
    13

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da TW 843 Visualizza il messaggio
    Incredibili i danni che è riuscita a fare, e che continua a fare, l'eredità del "gioiellino" (Fratelli Fly, op.cit.) Air One!
    Incredibile é il fatto che nessuno oltre ai contribuenti e la parte sana dei lavoratori, stia pagando tutti questi danni.....

  12. #937
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    12,730

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da ripps Visualizza il messaggio
    Scelte messe in fila, nero su bianco, all'interno di un documento messo a punto da un consulente aeronautico con un passato da manager di diverse compagnie aeree nazionali e internazionali, in possesso dell'AdnKronos.
    Ma si vergognano di scrivere chi sarebbe questo consulente aeronautico? Ma che razza di giornalismo e' questo? La valenza del riportare la fonte in questa maniera e' come se il documento lo avesse scritto odisseo.
    Inoltre ha molto in comune con quella perla che girava sul sito del CUB.

  13. #938
    Senior Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    .
    Messaggi
    13,566

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Che senso ebbe introdurre dei 320 con aspirapolvere al posto dei motori? Perché prenderli in versione depotenziata?

  14. #939
    Senior Member L'avatar di TW 843
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Ormeggiatore di aliscafi
    Messaggi
    28,553

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da DusCgn Visualizza il messaggio
    Che senso ebbe introdurre dei 320 con aspirapolvere al posto dei motori? Perché prenderli in versione depotenziata?
    A quanto ne sapevo io già dal 2011 c'è qualcosa sotto non solo sugli A320 ma pure sugli A319:
    http://www.aviazionecivile.org/vb/sh...=1#post1242917
    http://www.aviazionecivile.org/vb/sh...=1#post1242976

  15. #940
    Member L'avatar di AZ1313
    Registrato dal
    Jun 2016
    residenza
    FOG
    Messaggi
    807

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    Ma si vergognano di scrivere chi sarebbe questo consulente aeronautico? Ma che razza di giornalismo e' questo? La valenza del riportare la fonte in questa maniera e' come se il documento lo avesse scritto odisseo.
    Inoltre ha molto in comune con quella perla che girava sul sito del CUB.
    A me sembra un copia-incolla delle tante notizie girate in questi due mesi: il carburante, il leasing, il personale, la manutenzione.
    Di fatto non aggiunge nulla

  16. #941
    Senior Member L'avatar di totocrista
    Registrato dal
    Sep 2012
    residenza
    tps - Psa
    Messaggi
    3,459

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da ripps Visualizza il messaggio
    Per il carburante, Alitalia avrebbe pagato circa il 20% in più dei valori di mercato di quel tempo. Costi generati anche da un problema di potenza dei motori di alcuni Airbus A320/216, precisa l'analisi. Nello specifico, nella flotta AZ risultano 33 aeromobili A320 equipaggiati con motori CFM56/5B6-3, un modello che solitamente viene montano su un aeromobile più piccolo, ossia sull'A319. Rispetto al motore standard con cui è equipaggiato l'Airbus A320, il motore B6 series ha una spinta inferiore, ossia 23.500 libre contro le 27mila del B4. Ciò significa che quando il velivolo decolla al massimo peso del decollo, il gradiente di salita tra i due motori è diverso. Tradotto in termini pratici, questi velivoli 'depotenziati’' raggiungono a pieno carico la quota di crociera ottimale in un lasso di tempo molto maggiore, 'pesando' sui costi sopportati dalla compagnia per il carburante.
    di questo argomento se ne parlò sul forum qualche anno fa, mi diede la stessa spiegazione all'epoca, un amico ingegnere. Chissà se alla fine è vero purtroppo non ci fu modo di discuterne http://www.aviazionecivile.org/vb/sh...=1#post1517034

    Si diceva su altri lidi che era questo il motivo dei pochi ordini della versione a320-216 su cui si fiondò toto.
    Ultima modifica di totocrista; oggi a 11: 31

  17. #942
    Senior Member L'avatar di totocrista
    Registrato dal
    Sep 2012
    residenza
    tps - Psa
    Messaggi
    3,459

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da DusCgn Visualizza il messaggio
    Che senso ebbe introdurre dei 320 con aspirapolvere al posto dei motori? Perché prenderli in versione depotenziata?
    perchè costavano sicuramente meno. il 320-216 è un modello che non ha avuto molto successo a differenza del 320-214 (che az ha in eredità da LAI)

  18. #943
    Member L'avatar di AZ1313
    Registrato dal
    Jun 2016
    residenza
    FOG
    Messaggi
    807

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da totocrista Visualizza il messaggio
    perchè costavano sicuramente meno. il 320-216 è un modello che non ha avuto molto successo a differenza del 320-214 (che az ha in eredità da LAI)
    Esiste ancora qualcuno che possa affermare che nel 2008 si è salvata AZ???

  19. #944
    Senior Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    .
    Messaggi
    13,566

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da totocrista Visualizza il messaggio
    perchè costavano sicuramente meno. il 320-216 è un modello che non ha avuto molto successo a differenza del 320-214 (che az ha in eredità da LAI)
    Si ma possono costare meno da listino
    Ma se poi come si dice costano decisamente di più operativamente...il gioco vale la candela?

  20. #945
    Senior Member L'avatar di totocrista
    Registrato dal
    Sep 2012
    residenza
    tps - Psa
    Messaggi
    3,459

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da DusCgn Visualizza il messaggio
    Si ma possono costare meno da listino
    Ma se poi come si dice costano decisamente di più operativamente...il gioco vale la candela?
    su questo alzo le mani. Mi verrebbe da risponderti di no ma non ne ho le competenze.
    E' interessante però leggere la discussione e alcuni post dell'epoca
    http://www.aviazionecivile.org/vb/sh...=1#post1516941

  21. #946
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    12,980

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da AZ1313 Visualizza il messaggio
    Esiste ancora qualcuno che possa affermare che nel 2008 si è salvata AZ???
    Dipende da come declini il verbo "salvata": considerato che non ha chiuso, che ha continuato e continua ad operare, la sopravvivenza è stata certamente assicurata dal punto di vista strettamente concettuale. Le diverse denominazioni, ed i sezionamenti in good and bad company, giuridicamente, ci dicono che le diverse sottodenominazioni sono andate in vacca. Ma il fatto che si continui a perpetrare l'uso del codice AZ ci dice che, quantomeno, al momento sia ancora viva, quindi appunto salvata.


  22. #947
    Member L'avatar di AZ1313
    Registrato dal
    Jun 2016
    residenza
    FOG
    Messaggi
    807

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    Dipende da come declini il verbo "salvata": considerato che non ha chiuso, che ha continuato e continua ad operare, la sopravvivenza è stata certamente assicurata dal punto di vista strettamente concettuale. Le diverse denominazioni, ed i sezionamenti in good and bad company, giuridicamente, ci dicono che le diverse sottodenominazioni sono andate in vacca. Ma il fatto che si continui a perpetrare l'uso del codice AZ ci dice che, quantomeno, al momento sia ancora viva, quindi appunto salvata.
    Il mio riferimento è alla situazione di Air One ed al suo enorme fardello portato nella nuova Az-Cai, che mi induce ad avere qualche dubbio per chi e con quale finalità sia stata sostenuta la proposta dei capitani coraggiosi. La vicenda della motorizzazione dei 320 di cui stiamo discutendo ne è un aspetto che, a distanza di anni, ancora pesa sul bilancio di Az e sulle nostre tasche.

  23. #948
    Moderatore L'avatar di FlyKing
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    Genova - LIMJ
    Messaggi
    5,211

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da ripps Visualizza il messaggio
    un documento messo a punto da un consulente aeronautico con un passato da manager di diverse compagnie aeree nazionali e internazionali, in possesso dell'AdnKronos.
    Chissà chi sarà mai questo manager
    Quote Originariamente inviato da Adkronos
    TAG: Alitalia, Crisi, Gaetano Intrieri, Carburanti, Crisi Alitalia


    http://www.adnkronos.com/soldi/econo...XBtYc1zdK.html
    Il "passato da manager di diverse compagnie aeree nazionali e internazionali" è senz'altro da rispolverare

    Gandalf
    http://www.soldionline.it/notizie/az...-il-fallimento

    Club Air
    http://www.portalecreditori.it/procedura.php?id=53697

    Italia Tour
    http://www.portalecreditori.it/procedura.php?id=66866

    Primair
    http://tribunatreviso.gelocal.it/tre...1.3016002/amp/
    Non c'è fuoco né gelo tale da sfidare ciò che un uomo può accumulare nel proprio cuore. [Francis Scott Fitzgerald - The Great Gatsby]

  24. #949

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Sui forum invece va alla grandissima.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  25. #950
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    12,730

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Giugno 2017

    Quote Originariamente inviato da FlyKing Visualizza il messaggio
    Il "passato da manager di diverse compagnie aeree nazionali e internazionali" è senz'altro da rispolverare

    Gandalf
    http://www.soldionline.it/notizie/az...-il-fallimento

    Club Air
    http://www.portalecreditori.it/procedura.php?id=53697

    Italia Tour
    http://www.portalecreditori.it/procedura.php?id=66866

    Primair
    http://tribunatreviso.gelocal.it/tre...1.3016002/amp/
    Una carriera di successi. Quattro poi, mica una sola.

Pagina 38 di 38 primaprima ... 28363738

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 27 utenti che visualizzano di questa discussione. (5 utenti 22 ospiti)

  1. AZ1313,
  2. EdoC,
  3. herry92,
  4. indiamaik,
  5. Tiennetti

Discussioni simili

  1. Thread Alitalia febbraio 2017
    Da enrico nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 853
    Ultimo messaggio: 1st March 2017, 09: 59
  2. Thread Alitalia - Gennaio 2017
    Da enrico nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 445
    Ultimo messaggio: 3rd February 2017, 12: 27
  3. Thread Alitalia da giugno 2016
    Da TW 843 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 711
    Ultimo messaggio: 1st July 2016, 08: 25
  4. Thread Alitalia dal 1 giugno
    Da kenadams nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1303
    Ultimo messaggio: 1st September 2011, 08: 52
  5. Thread Alitalia dal 15 giugno
    Da billypaul nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 295
    Ultimo messaggio: 10th July 2009, 22: 09

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •