Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 25 su 57

Discussione: [TR] Un’estate al Mare.

  1. #1

    Predefinito [TR] Un’estate al Mare.

    Il telefono suona, puntuale come ogni sabato. Lo pesco dalla tasca e, inevitabilmente, è mio padre. ”Pronto”. ”Ciao, dove sei?’ fa lui. ”A Kyzyl-Orda,” rispondo io, sapendo benissimo di averglielo detto e sapendo anche che, probabilmente, se n’è dimenticato.
    ”Nté?’.

    Una precisazione: mio padre, when the going gets though, tira fuori la lingua dei duri. Quel tipo di piemontese che si parla all’inizio della Valle Cervo. Dopo quarant’anni a elargire mutui, fidi e in generale a salvare la collottola alla peggio impreditoria biellese, dai tessili ai furmagiat passando per i margari, quella è la lingua da usare. ”Nté cal’è?”. Dove sta?. Sospiro. ”In Kazakhstan, te l’avevo detto che venivo qui”. “’l me ‘recordesse nen. Podej nen andé ‘n Amrica ansem la fumna?”. Non mi ricordavo. Non potevi andare con la donna in America. La stessa domanda di colleghi e amici. Scambio ancora qualche piacevolezza, riattacco, rimetto via il telefono e mi guardo intorno.




    Che ci faccio qui? Di sicuro il Premio Lappeenranta per il Day-Trip più in culonia del mondo ce l’ho in saccoccia, ma non è solo questo che mi motiva. Il fatto è che, se uno vuole andare a vedere il mar d’Aral, da Kyzyl-orda ci deve per forza passare. E io, al mar d’Aral, ci voglio andare.

    Tutti, credo, abbiamo desideri covati dall’infanzia. Vedere il Gran Canyon. Guidare una Ferrari. Per i gobbi, vincere una finale di Cempions. Per i torinisti, finire in zona Cempions almeno una volta. Io, e di sicuro Freud avrebbe pagine e pagine da vergare, ho sempre voluto vedere il Mar d’Aral. Date la colpa a un’infanzia tribolata, a un abuso di Manuale delle Giovani Marmotte, ma questo è quanto. E, per un po’, è sembrato che il Mar d’Aral se ne stesse andando, e in buona parte lo ha fatto, ma ora sono a Kyzyl-orda e sto per vedere ciò che si è riuscito, in questa tragedia, a salvare.

    Ma torniamo indietro, torniamo indietro a giovedì sera.

    La partenza è dal Terminal 4 di LHR, altrimenti conosciuto come ”L’ultimo terminal di Heathrow”. Tra tutti, T4 è quello più raccogliticcio, meno curato, senza una mission vera e propria. Tra tutte, le compagnie al T4 sono quelle che più se ne fottono dell’andamento della struttura. Ciononostante, il sig. Arora lo sta adornando di un altro hotel, dopo il Premier Inn appena costruito a fianco dell’Hilton.


    Ed ecco il T4 in tutto il suo splendore.


    Rimedio un posto vicino alle finestre e mi metto in attesa del mio aereo. Sotto di me, un 330 Gulf aspetta di poter fare pushback. M’è sempre piaciuta, Gulf, la vera ME1, e ho sempre desiderato provarla. È un peccato che sia finita ai minimi termini, il Bahrain abbandonato dagli altri ex-fratelli coltelli del Golfo.


    Comunque, uno sbuffo di fumo mi distrae. Che sia lui?


    Ebbene si, è lui. 757, KC942, LHR-TSE, Air Astana. Da quanto tempo gli correvo dietro, quanti soldi m’han fatto pagare. Però ora ci siamo.


    Sono anni che non volo su un 757, l’ultima volta credo sia stato il 2003, MXP-LHR. Volevo provarlo lo scorso novembre, ALA-TSE, ma una nevicata clamorosa cancellò il volo precedente e il mio venne spostato su un 767. Grandi interni, ma… non un 757.
    Parlando d’interni, ecco qui Air Astana. Prima volta nel forum, credo, e che interni. IFE ottimo, pitch di tutto rispetto e tutto nuovo. Pure il bagno con trattamento glitter da discoteca di Kazan.


    Il video sulla sicurezza a bordo è da coma farmacologico, con gli omini che si muovono con la stessa velocità dei personaggi di sfondo di un videogame dei primi anni 2000 e, siccome siamo poliglotti, ci viene propinato in kazako, russo e inglese. È talmente lungo che la parte kazaka inizia quando il boarding è appena terminato, e quella inglese momenti prima di decollare.




    Comunque, parlando di boarding… Una cosa che mi incuriosiva parecchio era sapere che razza di clientela ci sarebbe stata su questo volo. Diciamolo, gl’inglesi non brillano per inventiva per quanto riguarda le ferie – nemmeno noialtri italiani, vero – per cui non mi aspettavo chissà quanta gente pronta a farsi una vacanza in Kazakhstan. In più, con soli 18 milioni di abitanti e un visto britannico non proprio facilissimo da prendere, non credevo che ci fossero così tanti kazaki a bordo. Il risultato è un misto: 20% di expat – tra cui tutti i residenti della Business – un buon substrato di kazaki residenti in UK e in visita, qualche connessione locale – tipo il mio vicino di posto kirghiso – e, sorprendentemente, parecchi passeggeri in connessione per l’Estremo Oriente e il SE Asia.

    Stacchiamo. A fare gli annunci di casa è il first officer, che nel tempo libero credo faccia pure il commentario della parata commemorativa di fine guerra a Mosca (questo qui). Il decollo è quello che mi ricordavo da un 757, potente e corto, e in un paio di sobbalzi siamo già in quota.

    Il servizio è abbastanza veloce, considerando che è un red-eye. Alla fine le luci rimarranno spente per due/tre ore, meglio di TK che su tratte del genere insiste a fare bevande cibo e caffè. Qui il primo giro viene eliminato e gli AAVV passano solo per offrire cena e bevande.

    Parlando degli assistenti di volo: tutti di gran livello. Trilingue – kazako, russo, inglese – gentili, affiatati, si vede che sono stati scelti perché sanno fare il loro lavoro e non perché solo dei belloni. Ho visto fare dei door checks esattamente come me li avevano insegnato a fare, e i controlli in cabina sono stati fatti con estrema attenzione. Compagnie come QR o TK dovrebbero imparare da Air Astana.

    Mi recapitano un piccolo menù e una washbag contenente mascherina, calzini e via dicendo. Menù e washbag in economy, quand’è stata l’ultima volta che vi ho visti?






    Arriva il momento del rancio che, per essere prodotto da quelle capre di Gategourmet a LHR, non è male, Lily O’Brien a parte. La ragazza che serve mi chiede se desidero qualcosa da bere, e chiedo una birra. ”Efes?” è la risposta e perché no, prendiamola. Bene, mi arriva la lattina da mezzo litro. Scorrono lacrime di gioia sulle mie gote. Air Astana, se Skytrax non t’ha ancora dato le 5 stelle è un gombloddo.






    Continua!
    Are we there yet? Stories from the road.

  2. #2

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    vai così, ottimo!!!

  3. #3

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Atterriamo al Nursultan Nazarbayev International – che, assieme a un’università, ospedale, biblioteca e credo pure la stazione è intitolato al padre-padrone di questo paese – più o meno puntuali. Lo sbarco prende un po’ di tempo, ma non c’è praticamente fila al controllo passaporti del nuovo terminal e i volontari dell’EXPO sono solertissimi nell’indirizzarti alla fila giusta. La doganiera kazaka, alla vista del mio passaporto, esclama ”Toto Cotugno!”. Venuta a sapere da dove arrivo, aggiunge ”Joe Strummer!”. Il plexiglass e il fatto che sia probabilmente proibito m’impediscono di abbracciarla.

    Tra Astana ed Almaty, devo essere sincero, preferisco la seconda. Le montagne mi sono più affini della steppa, che mi sembra fin troppo ampia. Però Astana ha un che, un qualcosa, che la rende interessante. È dinamica e meno pretenziosa di Dubai, la città con cui di solito è accumunata. Inoltre è demograficamente variegata, con russi e kazakhi e tutte le esoticissime convergenze tra i due. È bello vedere un posto con la storia travagliata del Kazakhstan – usato per test nucleari, riempito di Gulag, demolito da carestie create su misura, farcito di popoli fatti migrare con la forza – crescere in modo pacifico, senza finire nella guerra civile che, all’indomani del crollo del Muro, sembrava probabile. Non vincerà mai un Nobel ad Oslo, ma Nazarbayev una cosa giusta l’ha fatta.

    Comunque sia, esco e posso per una volta godermi Astana senza gelarmi come un ghiacciolo. L’ultima volta che ero qui facevano ventisei sotto. Passo una giornata piacevole e, il giorno dopo, sono di nuovo al Nazarbayev, terminal vecchio, per il volo per Kyzyl-Orda.

    L’aereoporto in tutto il suo splendore.





    La sicurezza prima di tutto, parte #1. Beppe attraversa l’apron in bicicletta.


    Come ogni aeroporto ex-sovietico che si rispetti, anche TSE ha il suo cimitero degli elefanti, anche se questi pachidermi mi sembrano più in bolla di quelli di DME o DYU.




    Annunciano il gate, mi appropinquo e… è lui o non è lui? Ebbene si, il mio primo volo con un A320NEO! Compagnia semisconosciuta, aereo nuovo di trinca che, tolto il TR inaugurale del buon Venexiano, credo che qui non si sia ancora visto.


    Gli imbarchi sui voli kazaki sono di solito abbastanza morigerati, ma inizio a capire che KZO non è esattamente né Astana né Almaty, e saliamo in modo abbastanza, come dire, “ruspante”.

    Situazione a bordo.






    La sicurezza prima di tutto, parte #2. Cosimo (quello in blu) supervisiona il carico e scarico in ciabatte.


    Stacchiamo e passiamo in rassegna il nuovo Terminal 2, capolavoro sopraffino di ignoranza (costruito dai Pacolli, incendiato per sbaglio da un operaio durante un party):


    A seguire il terminal storico, ora usato per i voli domestici, e il nostro ferro, spinto dagli stessi RB211 usati da 767 e 747, seppur leggermente meno potenti.


    Il terminal dei voli VIP, con un’informata di bizjet e, soprattutto, qualche Yak (?) russo. Un orso polare fa capolino…


    Ed appartiene a un Superjet! Davanti a lui, seminascosto dal Mi-8 in versione Anonima Sarda, sta un raro An-74, su cui di sicuro il nostro Pochette avrà volato da Murmansk a Vorkuta in compagnia del cugino di Putin e del comandante dell’Ottobre Rosso. Pensato ciò, è il momento di decollare. Breve vista panoramica dell’aeroporto, di Astana e poi siamo diretti nella steppa, al cui momento mi addormento.















    Mi sveglio all’arrivo nell’aeroporto più piccolo che abbia mai visto, più piccolo persino di quello di Verrone. Sull’apron ci sono solo due An-2, biplani – si, biplani e, giù in fondo, una palazzina. Il terminal.


    Continua!
    Are we there yet? Stories from the road.

  4. #4
    Junior Member
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Grottaferrata
    Messaggi
    309

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    spettacolare. Mi fa venire l'acquolina in bocca per una visita in Kazakistan per andare a trovare un grande amico.
    Sull'aeroporto più piccolo al mondo, aspetta a dirlo, in arrivo un TR con passaggio all'aeroporto di Radom. Nella giornata di maggiore movimentazione hanno DUE voli in un giorno.

  5. #5
    Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Firenze, Italy.
    Messaggi
    1,395

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Ma è veramente così silenzioso il 320NEO? ciauz sky3boy.....

    aspettiamo il seguito

    *** in aggiornamento ***

  6. #6
    Socio 2015 L'avatar di flyboy
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    Milano
    Messaggi
    4,051

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Wow, grande chicca!!! Video di sicurezza a parte, ha un hard product davvero notevole.
    Una domanda: hai dovuto fare il visto e/o lettera d'invito o burocrazia similare?

    PS: attendo il mare, e okkio al sole. E portati la crema protettiva. Tuo papà mi ricorda qualcuno....

  7. #7

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Ho una giornata da passare a Kyzyl-orda e a suo modo è un’esperienza interessante, un po’ come se fossi un alieno dal pianeta Zorg arrivato a Biella. Non so la lingua, non capisco i cartelli, tutto è fascinosamente privo di senso per me; cambiare soldi, ordinare da mangiare, trovare una via è un’avventura quando sei, praticamente, l’unico straniero in città (e, alle volte, l'unica persona!).















    Temevo di annoiarmi a morte, ma dopotutto sono quello che chiede a 8200 di portarmi i giornali locali delle città di lingua inglese che visita per lavoro, e semplicemente guardare la vita di questa città di provincia è sufficientemente interessante. Il tempo passa più velocemente e sono in stazione, dove – dopo aver dimostrato di non avere né forbici né vodka nel mio bagaglio – posso andare sui binari ad aspettare il treno 33, Almaty-Aktobe.

    Prendere un treno nell’ex-URSS è un’esperienza nuova, per cui guardo un altro paio di convogli arrivare e partire per “prendere la mano”. C’è tutto un ecosistema di viaggiatori, guardiani, poliziotti, soldati, attendenti alle carrozze, bagarini, donnine che vendono cibo, il tutto sotto gli occhi degli inevitabili, marziali e – completamente fuori posto – murali sovietici.







    Alla fin fine il 33 arriva, e salgo a bordo. Stavolta ho preso la prima classe, che si presenta così.


    Sono le 21.40, non dormo dalle 5 e il treno arriverà ad Aralsk, presumo, alle 5.25. Pregusto una buona notte di sonno, ma ovviamente il mio vicino di cuccetta ha in mente un’altra idea. Aslanbek, Aslan per gli amici, è di ritorno da due settimane di lavoro in un pozzo di petrolio e gas gestito da Lukoil, e parla tre parole d’inglese. Il suo amico B, però, lo sa molto meglio, per cui ecco arrivare B, accompagnato da un altro tizio che mi sembra peruviano, e un sacco di cibo grosso come quelli che la protezione civile lancia dagli aerei ai terremotati. Finirà che la donnona di fianco dovrà arrivare, ciabatta alla mano, ad ordinarci di fare silenzio. Sono le 2 di notte.

    Alle cinque e qualcosa, dopo aver discusso di calcio, auto ed economia con l’attendente di cabina usando gesti e parole random, arrivo ad Aralsk. Ho con me delle fotocopie di articoli accademici sul Mare o, in altre parole, sul peggior disastro ecologico perpetrato dall’uomo. La faccio breve.


    In meno di trent’anni il mar d’Aral, quarto specchio d’acqua al mondo per estensione e volume, ha perso il 70% del primo e il 90% del secondo. Il risultato è da Apocalisse di San Giovanni: tempeste di sabbia lunghe 500 km che depositano tra le 40 e le 150 milioni di tonnellate di sabbia (e sali tipo bicarbonato di sodio, cloruro di sodio, solfato di sodio) su Uzbekistan, Turkmenistan e Kazakhstan. Salificazione dei pozzi a livelli venti volte più alti di quelli in Europa. Incremento astronomico di patologie tipo tumore dell’esofago, problemi renali e del fegato. Cambiamento climatico, con estate più calde e inverni più freddi a causa della fine dell’effetto termoregolatore del lago. Estinzioni di massa di specie di pesci, uccelli e mammiferi. Fine di un’industria, quella ittica, che dava lavoro a migliaia di persone, sfornava 36.000 tonnellate di pesce (e, come ricordato nella stessa sala d’attesa di Aralsk, una volta salvò il deretano a Lenin, alle prese con una carestia causata dalla sua stessa politica economica).


    Perché?

    Beh, la colpa è della Guerra Civile americana. Il famoso blocco dei porti del Sud, da parte della marina unionista, fermò il commercio del cotone, causando la rovina dell’industria tessile in Europa, e in Russia. Se gli inglesi trovarono alternative in India ed Egitto, in cui piantare cotone, i russi decisero che la zona tra l’Oxus e il Jaxartes (Amu e Syr Darya per chi non è coetaneo di Dancrane) era la loro zona cotonifera. Avanti veloce dopo la Rivoluzione d’Ottobre e la seconda Guerra Mondiale, ed ecco che i comunisti decidono di continuare col cotone. Il piano è semplice: raddoppiare l’estensione del territorio dedicato alla coltivazione del cotone, e incrementare l’irrigazione usando le acque dei due fiumi. Il problema, però, è che così facendo, l’equilibrio del mar d’Aral iniziò a cambiare. Il quantitativo d’acqua che giungeva nel lago dai due fiumi si bloccò, di fatto, e l’estensione del lago iniziò a diminuire. Nel 1975 il mare sparì da Aralsk.


    Sufficientemente rinfrancato, decido di alzarmi e andare a trovare un hotel. Internet – come facevamo, prima di Internet? – dice che ce ne sono due. L’hotel Aral in centro, e l’Altair vicino alla stazione. Il primo potrebbe essere aperto, o forse è chiuso in permanenza, e in ogni caso fa schifo. Il secondo è certamente aperto, e le recensioni variano tra “ohmioddio” e “tutto sommato non è poi così male”. Entro, e un sofisticato atrio in stile russo-chic si palesa di fronte ai miei occhi. In fondo dorme una specie di avanzo di galera: un uomo in canotta, pantaloni finti Energie, denti d’oro q.b., taglio a zazzera e tatuaggi fatti in casa (o in cella). Ci accordiamo per 3000 Tenge (meno di 10 euro) per una notte, e divento felice proprietario di questa stanza.


    Continua, spero prima o poi. Ci saranno cammelli, cavalli e, ovviamente, acqua.

    Are we there yet? Stories from the road.

  8. #8
    Junior Member
    Registrato dal
    Nov 2011
    Messaggi
    489

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    In meno di trent’anni il mar d’Aral, quarto specchio d’acqua al mondo per estensione e volume, ha perso il 70% del primo e il 90% del secondo. Il risultato è da Apocalisse di San Giovanni: tempeste di sabbia lunghe 500 km che depositano tra le 40 e le 150 milioni di tonnellate di sabbia (e sali tipo bicarbonato di sodio, cloruro di sodio, solfato di sodio) su Uzbekistan, Turkmenistan e Kazakhstan. Salificazione dei pozzi a livelli venti volte più alti di quelli in Europa. Incremento astronomico di patologie tipo tumore dell’esofago, problemi renali e del fegato. Cambiamento climatico, con estate più calde e inverni più freddi a causa della fine dell’effetto termoregolatore del lago. Estinzioni di massa di specie di pesci, uccelli e mammiferi. Fine di un’industria, quella ittica, che dava lavoro a migliaia di persone, sfornava 36.000 tonnellate di pesce (e, come ricordato nella stessa sala d’attesa di Aralsk, una volta salvò il deretano a Lenin, alle prese con una carestia causata dalla sua stessa politica economica).
    Hai dimenticato l'Isola della Rinascita, dove c'era una delle più grandi basi dell'Unione Sovietica per le armi chimiche e biologiche. L'isola aveva come barriera naturale proprio le acque del lago che ora però si sono ritirate, e pensa un po', in passato ci sono state epidemia di vaiolo e antrace (ci sto facendo la tesi).

    Aspetto il resto!

  9. #9
    Member
    Registrato dal
    Jul 2008
    residenza
    Chia
    Messaggi
    1,037

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Bellissima idea per un thread! Complimenti e aspettiamo il resto....

  10. #10

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Quote Originariamente inviato da Siligio Visualizza il messaggio
    spettacolare. Mi fa venire l'acquolina in bocca per una visita in Kazakistan per andare a trovare un grande amico.
    Sull'aeroporto più piccolo al mondo, aspetta a dirlo, in arrivo un TR con passaggio all'aeroporto di Radom. Nella giornata di maggiore movimentazione hanno DUE voli in un giorno.
    Ciao Siligio, grazie per il commento! Kyzyl Orda era l'aeroporto più piccolo che abbia mai visto, non dubito che ce ne siano pure di più piccoli.

    Quote Originariamente inviato da borabora Visualizza il messaggio
    vai così, ottimo!!!
    Grazie!

    Quote Originariamente inviato da sky3boy Visualizza il messaggio
    Ma è veramente così silenzioso il 320NEO? ciauz sky3boy.....

    aspettiamo il seguito
    Avoja. Silenziosità da A380.

    Quote Originariamente inviato da flyboy Visualizza il messaggio
    Wow, grande chicca!!! Video di sicurezza a parte, ha un hard product davvero notevole.
    Una domanda: hai dovuto fare il visto e/o lettera d'invito o burocrazia similare?

    PS: attendo il mare, e okkio al sole. E portati la crema protettiva. Tuo papà mi ricorda qualcuno....
    Fattore 50 Flybo', ho imparato la lezione - e duramente. Per il Kazakhstan, a meno che uno non voglia andare in città "chiuse" (tipo Baikonur o quella sul lago Balkhash, o magari le zone di confine) c'è un'assenza di burocrazia rinfrancante. Nessun blocco, nessun permesso speciale, fino a 15 (oppure 30, non ricordo) giorni non serve nemmeno il visto, niente registrazione. Rispetto al resto dell'Asia Centrale è una ventata d'aria fresca.

    Quote Originariamente inviato da Casa Visualizza il messaggio
    Hai dimenticato l'Isola della Rinascita, dove c'era una delle più grandi basi dell'Unione Sovietica per le armi chimiche e biologiche. L'isola aveva come barriera naturale proprio le acque del lago che ora però si sono ritirate, e pensa un po', in passato ci sono state epidemia di vaiolo e antrace (ci sto facendo la tesi).

    Aspetto il resto!
    Pazienza, pazienza! Al mare non ci sono ancora arrivato, Vozrozhdeniya arriverà, seppur indirettamente.

    Quote Originariamente inviato da rommel Visualizza il messaggio
    Bellissima idea per un thread! Complimenti e aspettiamo il resto....
    Grazie rommel
    Are we there yet? Stories from the road.

  11. #11
    Member L'avatar di AZ1313
    Registrato dal
    Jun 2016
    residenza
    FOG
    Messaggi
    1,081

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Mi piace come racconti, bello davvero. Complimenti

  12. #12
    Junior Member L'avatar di flyLILB
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Di tanto in tanto al bar di Schwerzenbach (ma non per il referendum!)
    Messaggi
    169

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Gran bel racconto, è un piacere leggerti. Mi sono riletto la storia del lago d'Aral. Ma il prossimo TR ce lo fai da Chernobyl, vero?
    19950713-20161203 * AF-AP-AZ-DL-IB-LH-KL-MU-OS-SN-TK-U2-VE * 146-318-319-320-321-332-333-343-737-738-789-AB3-CN1-CRJ-D38-DH4-F28-M80 * ADB-AGP-AMS-BLQ-BRU-CDG-DTW-DUS-FCO-FRA-GVA-HEL-IST-KTW-LGA-LILN-LIN-LUG-MAD-MXP-NAP-ORY-PEG-PVG-SAW-TRN-TZX-ZRH

  13. #13
    Socio 2015 L'avatar di I-POV
    Registrato dal
    Mar 2008
    residenza
    Varese - Chatham NJ
    Messaggi
    1,363

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Azz. Fabri. Ma sei sempre in ferie?



    Ci sono 10 tipi di persone al mondo: quelle che capiscono il sistema binario e quelle che non lo capiscono.

  14. #14

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Impressionante. Non c'è modo di invertire la tendenza? È ancora così rigoglioso il business del cotone?
    Ultima modifica di AleRoots; 10th September 2017 a 13: 56

  15. #15

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Che spettacolo!!!!
    Complimenti, e grazie!


    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio

    ...

    Tutti, credo, abbiamo desideri covati dall’infanzia. [...]
    Io, e di sicuro Freud avrebbe pagine e pagine da vergare, ho sempre voluto vedere il Mar d’Aral.
    Venerdì scorso, nella parte finale della mostra Their Mortal Remains (che consiglio fortemente a tutti gli appassionati di Pink Floyd!) ho rivisto il video di Louder Than Words. Guardando le immagini dei bambini che giocavano in mezzo alle barche arruginite ho pensato: wishlist dei viaggi da aggiornare...

    Non vedo l'ora di continuare a leggere il tuo racconto!

  16. #16
    Socio 2015 L'avatar di BHA 604
    Registrato dal
    Jun 2010
    residenza
    Kiev
    Messaggi
    2,800

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Ed io che pensavo fossi andato a prendere il sole in un resort all inclusive in qualche località frequentata dai tuoi conterranei

    Ottimo inizio, te l'avevo detto che con Air Astana si volava bene!

    Quote Originariamente inviato da 13900 Visualizza il messaggio
    Ma che palazzo è per avere quella scritta?


    La sicurezza prima di tutto, parte #2. Cosimo (quello in blu) supervisiona il carico e scarico in ciabatte.
    Tutto regolare


    un raro An-74, su cui di sicuro il nostro Pochette avrà volato da Murmansk a Vorkuta in compagnia del cugino di Putin e del comandante dell’Ottobre Rosso
    Assolutamente si! Ed ovviamente sorseggiando un gin tonic
    Comunque a Vorkuta un giro te lo suggerisco. Magari non in inverno che fa un po' freschino

    Aslanbek, Aslan per gli amici, è di ritorno da due settimane di lavoro in un pozzo di petrolio e gas gestito da Lukoil
    Overseas (sono un rompiscatole, lo so )

  17. #17
    Junior Member L'avatar di LH243
    Registrato dal
    Oct 2016
    residenza
    EDDF
    Messaggi
    329

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    TR stupendo! Grazie per la condivisione..sono sempre stato affascinato dai paesaggi dell´ex URSS e dalla vita in quei posti!

  18. #18

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Bel TR... posti spettacolari!
    ... e anche bello rivedere il T4 di LHR !

  19. #19
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    997

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Spettacolo! Il lago d'Aral mi ha sempre affascinato sin da bambino: negli atlanti che amavo sfogliare veniva raffigurato nella sua conformazione originaria, che mi ricordava un teschio a rovescio. Triste presagio, visto il destino di questo specchio d'acqua.

    Per quanto riguarda i voli, il livello del servizio di bordo di Air Astana mi ha veramente sorpreso.

  20. #20
    Junior Member L'avatar di Aletheia
    Registrato dal
    May 2014
    residenza
    Padova
    Messaggi
    40

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Interessante e mai banale, grazie per averlo condiviso!
    Che poi, quando leggo un TR sull'ex URSS mi viene inevitabilmente voglia di andarci...peccato che sia l'unica donna al mondo che ha questo desiderio e nessuna delle mie amiche condivida!

  21. #21
    Senior Member L'avatar di JJ8BGY
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Bergamo, Lombardia.
    Messaggi
    2,344

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.


    Questo è il pasto che mi hanno servito in economy tra atyrau e Astana nel 2014...


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    ..se lo stinco è di santo, il ginocchio è di jhonny.... lui è preso, io sono presa...shuko!! GG™ Le mie foto su...Jetphotos..Airlines..MyAviation Ciao Gigi

  22. #22
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    13,595

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Spettacolo F. sempre un piacere leggere i tuoi TR. Curiosissimo del resto.

  23. #23
    Amministratore L'avatar di enrico
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    Rapallo, Liguria.
    Messaggi
    13,491

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Splendido come sempre, grazie!
    P.S. La Efes da 500 da sola merita un volo con Air Astana.

  24. #24

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Buonasera a tutti,

    chiedo scusa per il ritardo ma, per la gioia di I-POV, sono di nuovo in vacanza. A mia discolpa va il fatto che in Kazakhstan sono rimasto 5 giorni e 3 erano weekend + festa comandata, ma tanto so che nessuno mi crederà. Comunque, riprendo il filo da dove ero rimasto.

    -----

    Aralsk non è Angera, nel senso che non basta arrivarci, prendere un gelato e fare una passeggiata per arrivare al lago. Occorre una guida, una macchina, possibilmente una 4x4. E io, grazie ad Al Jazeera, ho tutto questo.

    Intendiamoci, non è che sono riuscito a scucire soldi dai qatarioti, benaltro. Semplicemente, non troppo tempo fa Al Jazeera aveva pubblicato questo articolo in cui compariva, in foto, tale Serik Dyussenbayev, l’unica guida disponibile ad Aralsk. Siccome siamo nel mondo dei social, scovo Serik su FB e siamo a cavallo. Anzi, come vedremo, a cammello.

    Serik viene a raccattarmi davanti all’Altair, dove non solo mi è stato concesso un early check-in, ma ho anche ricevuto una salubre colazione a base di uova, tè e fette fritte di quelle salsicce che si trovano in tutti i supermercati dell’Unione, quelle che hanno una lista di ingredienti con la E- lunga mezza pagina. Come dicono i giovani, l’Hilton può accompagnare solo.

    L’idea di Serik è di portarmi a vedere l’unica buona notizia della zona, cioè il North Aral Sea. Grazie agli sforzi del governo kazako e della Banca Mondiale, infatti, il North Aral Sea ha recuperato il 70% del suo volume, crescendo di 6 metri di profondità media e ritornando ad ospitare pesci e altre forme di vita, un recupero sorprendente. Il successo è dovuto alla creazione di una diga, che ha eliminato il deflusso verso il sud, a una miglior gestione del flusso delle acque del Syr Darya e, fondamentalmente, a una politica di abbandono del cotone per altri prodotti che consumano meno acqua (ortaggi, grano). L’Uzbekistan, invece, ha sostanzialmente lasciato il mar d’Aral a sé stesso, e continua a coltivare cotone.

    Ma tutto questo è in divenire. Usciamo dalla città, cosa che richiede un minuto, e c’infiliamo nella steppa. Le differenze col Pamir sono ovvie, non solo dal punto di vista geografico, ma anche e soprattutto dal punto di vista socio-economico. Le strade sono lisce, e trafficate. I villaggi saranno pur sperduti, ma sono ben tenuti e con case nuove, con doppi vetri, energia elettrica e acqua corrente. Il ritorno del lago, dice Serik, ha portato nuova prosperità: tra il pesce, i cavalli e i cammelli ce n’è a sufficienza per avere due auto e mandare i figli a scuola.

    Parlando di cammelli… sono ovunque.












    Lasciamo la via principale – che, mi dice Serik, è parte della nuova ‘Via della Seta’, il network di strade e ferrovie che la Cina sta costruendo per collegarsi all’Europa – e iniziamo ad andare offroad. Costeggiamo qualche cimitero, che da queste parti sembrano più piccole cittadelle che non camposanti, e scendiamo impercettibilmente. Il terreno è piattissimo, uno dei problemi principali del lago, che anche da pieno era abbastanza poco profondo (al massimo una settantina di metri).













    Ed eccolo. Dietro a un piccolo declivio, in cima al quale sta un altro cimitero… ecco il Mar d’Aral. Non so se potete capire, ma è un momento che aspettavo da vent’anni almeno.






    Ci fermiamo di fianco a una sorgente d’acqua calda, che fino agli anni ’70 si trovava sott’acqua, e ora è a qualche decina di metri dalla spiaggia. Al momento la diga del North Aral Sea non permette di aumentare il livello del mare di più, ma quando sarà approvata la seconda fase del progetto della Banca Mondiale, la diga sarà alzata a sufficienza per riportare l’acqua ai suoi livelli originari, e la piccola spa creata da questa sorgente tornerà sott’acqua. Alla gente, però, non sembra importare molto.



    Serik mi porta ad Aqespe, probabilmente il posto meno felice nella storia di successo che è il North Aral Sea. Aqespe è un villaggio di pescatori ed allevatori che ha una sola sfortuna: quella di essere in un punto specifico del Mar d’Aral in cui vanno a convergere i venti che spazzano l’ex fondale.

    Tradotto in italiano semplice, il paese sta venendo divorato dalla sabbia.

    Incontriamo le dune lungo la spiaggia. Non sono spettacolari, ma sono comunque massicce, e non si possono fermare. Serik dice che, ogni anno, la gente usava bulldozer per spostare la sabbia, ma non serviva a nulla. Alla fine, un nuovo paese è stato costruito, più in là e lontano dalle dune, ma alcuni ancora resistono ad Aqespe vecchia.




    C’impantaniamo – si può dire? – nella sabbia, e Serik deve infilare le ridotte per superare il declivio. Ci fermiamo in cima alla discesa che conduce al villaggio, e scendo.

    Fa un caldo tremendo, ed è una scena surreale. Aqespe è un villaggio come decine, centinaia, migliaia di altri tra Ucraina e Siberia, con le case col tetto grigio disposte lungo una linea, la via principale se non unica. Le case sono monofamiliari, quelle che nei libri sulla ritirata dalla Russia chiamano izba, coll’orto, l’albero sul retro, le api.

    Se non fosse che qui non ci sono orti, alberi sul retro, o api. Qui c’è solo sabbia. Sabbia copre la via principale, sabbia copre i giardini, dune si stanno mangiando le case. Aqespe è l’unico villaggio che conosco in cui per entrare in casa bisogna andare in discesa.

    Cammino lungo la via, e mi sento un vero e proprio intruso, partecipante non invitato ad un funerale, quello di una cittadina. Il peggio è che il paese non è deserto.

    C’è un tizio appollaiato in cima ad una duna. Un uomo bada ad alcuni cavalli, in fondo alla via, e un altro esce dalla prima casa del paese con un secchio, e va verso quello sulla duna. Tutti mi guardano, e io guardo loro. M’immagino che si chiedano che voglio, cosa sono venuto a vedere nel loro villaggio, e io m’immagino come dev’essere vivere qui, vedere il lago sparire e la sabbia arrivare e prendersi tutto.













    Un gruppo di cammelli mi fissa solennemente dal loro recinto. Intorno sento bambini gridare, ed eccoli li. Un gruppetto, probabilmente fratelli, gioca intorno ai cammelli. Mi domando come debba sembrare, crescere qui, e lascio perdere. Torno alla macchina e, colpo finale, Serik sta ascoltando ”Despacito”. Ovunque sia andato in Asia Centrale devo dire che i gusti musicali fanno abbastanza cagare.



    Proseguiamo, e torniamo vicino all’acqua. Qui è verde, pieno di uccelli, di vita. Ci sono anatre in cielo, che volano in formazione a V; piccoli passerotti zompettano sul lago, e altre decine di volatili saltano, navigano, pigolano e in genere fanno casino. Cinque anni fa, tutto questo non c’era. Una visione stupenda.








    Serik mi fa: ”Ti porto a veder le navi”, cosa che per me è una sorpresa. Avevo letto in giro che tutte le navi rimaste spiaggiate in Kazakhstan, sostanzialmente quelle di Zhalanash, erano state demolite e vendute ai cinesi, per cui non me ne aspettavo… e, sinceramente, non mi spiaceva. Sono qui per vedere il mare, non barche spiaggiate nel deserto.

    ...continua!
    Are we there yet? Stories from the road.

  25. #25

    Predefinito Re: [TR] Un’estate al Mare.

    Quote Originariamente inviato da AZ1313 Visualizza il messaggio
    Mi piace come racconti, bello davvero. Complimenti
    Grazie mille!

    Quote Originariamente inviato da flyLILB Visualizza il messaggio
    Gran bel racconto, è un piacere leggerti. Mi sono riletto la storia del lago d'Aral. Ma il prossimo TR ce lo fai da Chernobyl, vero?
    Mi è stato espressamente proibito di andare a Chernobyl, unico divieto datomi finora dalla consorte, per cui temo che dovrà farlo qualcun altro... Propongo Dancrane.

    Quote Originariamente inviato da I-POV Visualizza il messaggio
    Azz. Fabri. Ma sei sempre in ferie?
    26gg da contratto!

    Quote Originariamente inviato da AleRoots Visualizza il messaggio
    Impressionante. Non c'è modo di invertire la tendenza? È ancora così rigoglioso il business del cotone?
    A quanto ne ho letto, il cotone viene per lo più esportato e con la crescita di stracciv... ehm compagnie tipo H&M e Zara la richiesta è in aumento. Quindi si tratta di valuta "estera". Il Kazakhstan sta intelligentemente puntando su altro che richiede meno acqua, sia per consumi interni che per export, ma...

    Ho letto una statistica impressionante. Prima del 1960 circa 55 km cubi entravano nel lago ogni anno. Ora come ora sono tra i 5 e i 10, interamente dal Syr Darya nel North Aral Sea; se si volesse ritornare a riempire il lago, si dovrebbe ritornare a riversare 55km cubi ogni anno per sessant'anni.

    Quote Originariamente inviato da Jambock Visualizza il messaggio
    Che spettacolo!!!!
    Complimenti, e grazie!
    Prego!

    Quote Originariamente inviato da Jambock Visualizza il messaggio
    Venerdì scorso, nella parte finale della mostra Their Mortal Remains (che consiglio fortemente a tutti gli appassionati di Pink Floyd!) ho rivisto il video di Louder Than Words. Guardando le immagini dei bambini che giocavano in mezzo alle barche arruginite ho pensato: wishlist dei viaggi da aggiornare...

    Non vedo l'ora di continuare a leggere il tuo racconto!
    Beh, se vai e vedi Serik lui ti può portare dove ci sono ancora barche sul lato kazako, anche se per me la cosa più bella è stata, sinceramente, il lago in sé.

    Quote Originariamente inviato da BHA 604 Visualizza il messaggio
    Ed io che pensavo fossi andato a prendere il sole in un resort all inclusive in qualche località frequentata dai tuoi conterranei
    Formentera? Non mi vogliono più
    [QUOTE=BHA 604;1822051]
    Ma che palazzo è per avere quella scritta? [/quote

    Esci la traduzione. Era la piazza principale di Kyzylorda...

    Quote Originariamente inviato da BHA 604 Visualizza il messaggio
    Overseas (sono un rompiscatole, lo so )
    Loro han detto Lukoil... che ne saccio io.

    Quote Originariamente inviato da LH243 Visualizza il messaggio
    TR stupendo! Grazie per la condivisione..sono sempre stato affascinato dai paesaggi dell´ex URSS e dalla vita in quei posti!
    Danke schön!

    Quote Originariamente inviato da millenove77 Visualizza il messaggio
    Bel TR... posti spettacolari!
    grazie!

    Quote Originariamente inviato da millenove77 Visualizza il messaggio
    ... e anche bello rivedere il T4 di LHR !
    Masochista!

    Quote Originariamente inviato da venexiano Visualizza il messaggio
    Spettacolo! Il lago d'Aral mi ha sempre affascinato sin da bambino: negli atlanti che amavo sfogliare veniva raffigurato nella sua conformazione originaria, che mi ricordava un teschio a rovescio. Triste presagio, visto il destino di questo specchio d'acqua.

    Per quanto riguarda i voli, il livello del servizio di bordo di Air Astana mi ha veramente sorpreso.
    Siamo in due, allora! Air Astana merita, tanto, tantissimo.

    Quote Originariamente inviato da Aletheia Visualizza il messaggio
    Interessante e mai banale, grazie per averlo condiviso!
    Che poi, quando leggo un TR sull'ex URSS mi viene inevitabilmente voglia di andarci...peccato che sia l'unica donna al mondo che ha questo desiderio e nessuna delle mie amiche condivida!
    Ciao Aletheia, grazie per leggere. Sinceramente, se non trovi nessuno con cui andare, vai da sola. Nel Pamir abbiamo conosciuto una ragazza che ha fatto la Pamir Highway da sola in bici, e un'altra che - a 18 anni - ha fatto tutta l'Asia centrale tolto il Turkmenistan, e il Caucaso - con tanto dell'epico traghetto trans-Caspio tra Baku e Aktau - da sola. Fallo.

    Quote Originariamente inviato da JJ8BGY Visualizza il messaggio

    Questo è il pasto che mi hanno servito in economy tra atyrau e Astana nel 2014...
    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Ecco, tolti gli M&Ms è rimasto cosí. sul nazionale avevano solo panini, ma più che sufficiente.

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    Spettacolo F. sempre un piacere leggere i tuoi TR. Curiosissimo del resto.
    Grazie G!

    Quote Originariamente inviato da enrico Visualizza il messaggio
    Splendido come sempre, grazie!
    P.S. La Efes da 500 da sola merita un volo con Air Astana.
    E avevano pure la birra kazaka.
    Are we there yet? Stories from the road.

Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. I-MARE
    Da Roma Radar nel forum Sezione Storica
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 8th May 2017, 19: 36
  2. Orari AZ estate 1998/estate 1999
    Da marxvive nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 34
    Ultimo messaggio: 25th November 2009, 15: 06
  3. Mare ed elicotteri
    Da sidescanner nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 6th February 2009, 16: 21

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •