Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 26 a 50 su 99

Discussione: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

  1. #26
    Junior Member
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    Roma & Rossano,Calabria
    Messaggi
    46

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    E che problema c'è ? Tanto nell' alto Jonio abbiamo fantastici pullman che ti portano fino a Milano in sole 14 ore...

  2. #27

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da aprosdogheton Visualizza il messaggio
    E che problema c'è ? Tanto nell' alto Jonio abbiamo fantastici pullman che ti portano fino a Milano in sole 14 ore...
    Pretendere dei collegamenti bus veloci verso lamezia terme è troppo assurdo? Meglio pretendere un aeroporto sotto casa che non ha nessuna possibilità di "decollare"!!

  3. #28
    Junior Member
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    Roma & Rossano,Calabria
    Messaggi
    46

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Marco, concordo sul fatto che ci sia bisogno di collegamenti via terra efficienti e anche sul fatto che il Pitagora non possa essere un aeroporto idoneo a "decollare". Purtroppo la realtà dell'Alto Jonio deve fare i conti con collegamenti con Lamezia quasi inesistenti, c'è una sola compagnia di trasporti privata che opera due/tre corse al giorno e tutte arrivano a destinazione tra le 7 e le 9 e qualcosa orientativamente (scusa ma non ricordo gli orari precisi) e due delle quali a venti minuti di distanza l'una dall'altra dopo circa tre ore di viaggio, il che ti fa capire che non è possibile prendere un volo in primissima mattinata e dal pomeriggio in poi senza prendere la macchina o chiedere il " favore" a qualcuno e per il ritorno la situazione non migliora. Insomma sono linee regionali e interregionali che passano da Lamezia e si ci fermano. A tutto ciò bisogna aggiungere che la ferrovia praticamente non esiste, le "tecnologie" presenti sono paragonabili a quelle degli anni '40 e che si deve convivere con la SS106 che si può definire un campo minato visto l'alto numero di persone che muoiono ogni anno in incidenti stradali in questo tratto.
    Con il mio commento volevo dire che come sempre, dopo tanti proclami, la gente di questa zona sarà, non di rado, costretta ad essere fortemente penalizzata in tema di mobilità rispetto al resto degli Italiani, pertanto la mia era una protesta nei confronti dell'amministrazione regionale e di chi ha i poteri per cambiare qualcosa perché dopo decenni in questa terra, in tema di trasporti, progressi ancora non se ne sono visti. Lungi da me pretendere un aeroporto " sotto casa" ttovandosi il Sant'Anna a 100 km da Lamezia e con un bacino d'utenza e un potenziale esiguo per poter essere efficiente 12 mesi l'anno.
    FCO-CRV-SUF-TRN-MLA-CIA-VLC-STN-LGW-PSA-LPA-BUD-GVA-JFK-RDU-ORY-PTP-FDF-CUF-BVA-AMS-BRI.


  4. #29

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da aprosdogheton Visualizza il messaggio
    Marco, concordo sul fatto che ci sia bisogno di collegamenti via terra efficienti e anche sul fatto che il Pitagora non possa essere un aeroporto idoneo a "decollare". Purtroppo la realtà dell'Alto Jonio deve fare i conti con collegamenti con Lamezia quasi inesistenti, c'è una sola compagnia di trasporti privata che opera due/tre corse al giorno e tutte arrivano a destinazione tra le 7 e le 9 e qualcosa orientativamente (scusa ma non ricordo gli orari precisi) e due delle quali a venti minuti di distanza l'una dall'altra dopo circa tre ore di viaggio, il che ti fa capire che non è possibile prendere un volo in primissima mattinata e dal pomeriggio in poi senza prendere la macchina o chiedere il " favore" a qualcuno e per il ritorno la situazione non migliora. Insomma sono linee regionali e interregionali che passano da Lamezia e si ci fermano. A tutto ciò bisogna aggiungere che la ferrovia praticamente non esiste, le "tecnologie" presenti sono paragonabili a quelle degli anni '40 e che si deve convivere con la SS106 che si può definire un campo minato visto l'alto numero di persone che muoiono ogni anno in incidenti stradali in questo tratto.
    Con il mio commento volevo dire che come sempre, dopo tanti proclami, la gente di questa zona sarà, non di rado, costretta ad essere fortemente penalizzata in tema di mobilità rispetto al resto degli Italiani, pertanto la mia era una protesta nei confronti dell'amministrazione regionale e di chi ha i poteri per cambiare qualcosa perché dopo decenni in questa terra, in tema di trasporti, progressi ancora non se ne sono visti. Lungi da me pretendere un aeroporto " sotto casa" ttovandosi il Sant'Anna a 100 km da Lamezia e con un bacino d'utenza e un potenziale esiguo per poter essere efficiente 12 mesi l'anno.
    Su questo mi trovi pienamente d'accordo... io per lavoro frequento spesso l'aeroporto di Bari e quello di Venezia... la differenza dell'organizzazione dei trasporti a terra e abissale.... da venezia tutti gli autobus di linea regionali si fermano.. permettendo una mobilità mto buona... a Bari le decine di autobus che passano a pochi km dall'apt tirano dritto .. poi si chiedono interventi infrastrutturali milionari come per Brindisi quando queste piccole deviazioni sarebbero possibili con costi se confrontati irrisori e di attivazione quasi immediata..

  5. #30
    Junior Member
    Registrato dal
    Jun 2013
    residenza
    Roma & Rossano,Calabria
    Messaggi
    46

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da Marco Clemente Visualizza il messaggio
    Su questo mi trovi pienamente d'accordo... io per lavoro frequento spesso l'aeroporto di Bari e quello di Venezia... la differenza dell'organizzazione dei trasporti a terra e abissale.... da venezia tutti gli autobus di linea regionali si fermano.. permettendo una mobilità mto buona... a Bari le decine di autobus che passano a pochi km dall'apt tirano dritto .. poi si chiedono interventi infrastrutturali milionari come per Brindisi quando queste piccole deviazioni sarebbero possibili con costi se confrontati irrisori e di attivazione quasi immediata..
    So che vuoi dire. Pensa che in Puglia, e nel barese soprattutto, la situazione è di molto migliore rispetto alla Sibaritide e al resto dell'Alto Jonio, considera che a volte per diversi fattori ci conviene arrivare fino a Roma (6 ore e mezza di autobus fino alla stazione Tiburtina) per prendere un aereo.
    Poi la questione aeroporti viene usata come strumento politico, tant'è che per le regionali, provinciali e comunali torna sempre in auge la costruzione dell'inutile aeroporto di Sibari, così come i voli per il Sant'Anna, con Ryanair,
    che vennero attivati a ridosso delle regionali e vennero operati per circa un anno e mezzo e anche in quell' occasione, a parte i primi mesi, senza macchina era quasi impossibile poter arrivare all'aeroporto di Crotone dall'alto Jonio. Insomma si potrebbe stare interi giorni a parlare di questi argomenti, ma sembra che la situazione sia destinata a restare poco rosea per tanto altro tempo.

  6. #31
    Senior Member L'avatar di alitaliaboy
    Registrato dal
    Jul 2007
    residenza
    .
    Messaggi
    2,253

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Si è più saputo nulla???


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  7. #32

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da aprosdogheton Visualizza il messaggio
    Marco, concordo sul fatto che ci sia bisogno di collegamenti via terra efficienti e anche sul fatto che il Pitagora non possa essere un aeroporto idoneo a "decollare". Purtroppo la realtà dell'Alto Jonio deve fare i conti con collegamenti con Lamezia quasi inesistenti, c'è una sola compagnia di trasporti privata che opera due/tre corse al giorno e tutte arrivano a destinazione tra le 7 e le 9 e qualcosa orientativamente (scusa ma non ricordo gli orari precisi) e due delle quali a venti minuti di distanza l'una dall'altra dopo circa tre ore di viaggio, il che ti fa capire che non è possibile prendere un volo in primissima mattinata e dal pomeriggio in poi senza prendere la macchina o chiedere il " favore" a qualcuno e per il ritorno la situazione non migliora. Insomma sono linee regionali e interregionali che passano da Lamezia e si ci fermano. A tutto ciò bisogna aggiungere che la ferrovia praticamente non esiste, le "tecnologie" presenti sono paragonabili a quelle degli anni '40 e che si deve convivere con la SS106 che si può definire un campo minato visto l'alto numero di persone che muoiono ogni anno in incidenti stradali in questo tratto.
    Con il mio commento volevo dire che come sempre, dopo tanti proclami, la gente di questa zona sarà, non di rado, costretta ad essere fortemente penalizzata in tema di mobilità rispetto al resto degli Italiani, pertanto la mia era una protesta nei confronti dell'amministrazione regionale e di chi ha i poteri per cambiare qualcosa perché dopo decenni in questa terra, in tema di trasporti, progressi ancora non se ne sono visti. Lungi da me pretendere un aeroporto " sotto casa" ttovandosi il Sant'Anna a 100 km da Lamezia e con un bacino d'utenza e un potenziale esiguo per poter essere efficiente 12 mesi l'anno.
    Quote Originariamente inviato da aprosdogheton Visualizza il messaggio
    So che vuoi dire. Pensa che in Puglia, e nel barese soprattutto, la situazione è di molto migliore rispetto alla Sibaritide e al resto dell'Alto Jonio, considera che a volte per diversi fattori ci conviene arrivare fino a Roma (6 ore e mezza di autobus fino alla stazione Tiburtina) per prendere un aereo.
    Poi la questione aeroporti viene usata come strumento politico, tant'è che per le regionali, provinciali e comunali torna sempre in auge la costruzione dell'inutile aeroporto di Sibari, così come i voli per il Sant'Anna, con Ryanair,
    che vennero attivati a ridosso delle regionali e vennero operati per circa un anno e mezzo e anche in quell' occasione, a parte i primi mesi, senza macchina era quasi impossibile poter arrivare all'aeroporto di Crotone dall'alto Jonio. Insomma si potrebbe stare interi giorni a parlare di questi argomenti, ma sembra che la situazione sia destinata a restare poco rosea per tanto altro tempo.

    Rispondo un po' in ordine sparso ma dandoti sostanzialmente ragione: (i) Crotone è collegata male con Lamezia; (ii) il Sant'Anna non svolge la funzione a cui sarebbe in teoria deputato - che è servire l'Alto Jonio; (iii) l'Alto Jonio sconta uno dei peggiori deficit infrastrutturali d'Italia. CRV ha però anche un grande merito: riesce a sintetizzare benissimo alcuni effetti perversi dell'approssimazione con cui si fanno le cose in Calabria.

    Spesso CRV viene usato come esempio della critica ai piccoli aeroporti. Perché è inefficace (non svolge la sua funzione), è inefficiente (quel poco che fa, lo fa sperperando risorse) e racconta della goliardia con cui vengono fatte certe cose da quelle parti (vedi ultima irresistibile gag sull'aerotaxi). CRV giustifica quindi chi dice che "non si può pretendere un aeroportino ogni 100km", e tu stesso dici che pretendere un aeroporto a Sibari sarebbe ridicolo.

    Pretendere un aeroporto a Sibari è invece l'unica cosa sensata che si sarebbe dovuto fare, chiarendo che parlo di un microscalo regionale con voli per FCO-MIL più qualche p2p nazionale/int'l d'estate. Un ipotetico SIB riuscirebbe a collegare un territorio che realmente soffre un isolamento territoriale, il tutto senza creare alcuna sovrapposizione con altri scali maggiori, e potrebbe davvero giustificare la logica della continuità territoriale, cioè potrebbe giustificare l'investimento pubblico sia in termini infrastrutturali che di co-marketing (la c.d. 'dottrina AHO', ormai affermatasi a Bruxelles).

    Eppure l'aeroporto sta a Crotone (dove non serve e butta soldi) e non a Sibari (dove sarebbe comunque in rosso ma perlomeno giustificherebbe l'investimento pubblico).
    Perché?
    Innanzitutto perché a Crotone l'aeroporto già ci stava e a Sibari no, semplice: un conto è adeguare una struttura esistente e un altro è costruirla dal nulla. Poi perché, politicamente, l'Alto Jonio non conta un cazzo, e perdonami se la metto così ma è inutile che ci giriamo intorno. Infine per la combo di classe politica inetta + comunità locale che si fa mangiare in testa: chissenefrega di fare le cose bene, basta che assumete a mio cugino e che create un po' di indotto giornalistico in cui possiamo lagnarci dello Stato oppressore che non fa nulla per la Calabria.

    Quindi l'effetto perverso qual è?
    L'effetto perverso è che se uno critica CRV e TPS non sta criticando il concetto di scalo regionale a servizio di un territorio con problemi di isolamento, ma sta criticando invece una maniera sbagliata di affrontare e risolvere un problema reale. Dunque quando si parla di CRV, così quando si parla di TPS, lo si può fare per intrattenimento, lo si può fare per goliardia, lo si può fare per nostaligia di casa se si vive lontani, al massimo lo si può fare sperando in qualche piccola pezza messa qua e là, ma se è un discorso serio quello che si cerca, beh, tocca cercare altrove.

    Aspè, non ho finito.
    Il povero passeggero calabro bistrattato da tutti e costretto ad emigrare tra mille difficoltà mica è esente da colpe! Ti faccio un esempio pratico.

    Mi muovo più o meno periodicamente sulla Roma-Lamezia, dove il miglior collegamento p2p è ormai l'alta velocità. Una volta arrivati a Sant'Eufemia con la Freccia delle 21 si pone però il problema di come arrivare a Lamezia centro o in qualsiasi altro posto della Calabria, a meno che tu non viva proprio davanti la stazione.

    Ai pax della Freccia, Trenitalia offre un servizio di navetta con bus GT che parte 5 minuti dopo l'arrivo del treno e che ti porta a Lamezia centro e sullo Jonio (CZ Lido? Non ricordo). Il servizio è ottimo e veloce: personalmente impiego lo stesso tempo che impiegherei col mezzo privato per arrivare a casa.
    Bene: sul bus non ho mai contato più di 7-8 persone, mentre decine sono le macchine di parenti e amici venuti a raccattare i viandanti.
    Perché?
    O meglio, siamo sicuri che i collegamenti in Calabria siano inadeguati? A me, ti dico la verità, sembrano p e r f e t t a m e n t e adeguati sulle richieste locali. Semmai è arrivato il momento di cambiare richieste.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  8. #33
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Aeroporto di Crotone, Dieni: “vicenda grottesca”

    “È sempre più grottesca e surreale la vicenda dell’aeroporto di Crotone, ancora chiuso malgrado gli annunci in pompa magna di Sacal e Regione”. Non usa mezzi termini la deputata del M5S Federica Dieni, che ormai da anni si occupa della drammatica situazione dei tre scali calabresi. «Il Sant’Anna – continua la parlamentare – avrebbe dovuto riprendere l’attività oggi ma, secondo quanto riferito da diversi organi di stampa, la ripresa dei voli, a un anno dallo stop, è ancora un’incognita. Eppure, negli ultimi mesi e settimane, il governatore Oliverio si è lanciato in mirabolanti annunci circa l’imminente ripresa dell’operatività dello scalo, spingendosi a cerchiare date definitive su un calendario che, probabilmente, non è quello gregoriano su cui noi tutti organizziamo la nostra vita». «Allo stato attuale – aggiunge Dieni –, l’aeroporto sarebbe agibile, senza però che vi sia alcuna prospettiva circa un’imminente ripresa dei voli. Perdurerebbero, infatti, problemi mai risolti come quelli relativi alla tassa per il servizio Enav necessario per garantire decolli e atterraggi in sicurezza. Un fatto grave che è nulla di fronte all’approssimazione con cui Regione e Sacal hanno affrontato la questione della ricerca di una nuova compagnia a cui affidare i collegamenti con il resto d’Italia. Al momento, l’unico risultato sarebbe il reclutamento di un broker, una specie di società di intermediazione che dovrebbe noleggiare gli aerei da altre compagnie per garantire il servizio. Basta solo questa storia per rendersi conto delle panzane rifilate per mesi ai cittadini della provincia di Crotone». «Il governatore la smetta di raccontare favole e dica come stanno le cose realmente e quando l’aeroporto di Crotone potrà davvero riprendere la sua attività. I calabresi – conclude la deputata – chiedono collegamenti efficaci e servizi sicuri, non di essere le vittime inconsapevoli delle nuove puntate di Scherzi a parte dirette da Oliverio”.


    http://www.strettoweb.com/2017/11/ae...Gzx5ZKOAikm.99

  9. #34
    Junior Member
    Registrato dal
    Jul 2017
    residenza
    Carpi
    Messaggi
    244

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Allo scalo aeroportuale di Sant’Anna, tecnici e dipendenti sono al lavoro affinché tutti problemi esistenti vengano risolti.
    Tutto, deve essere pronto per il primo volo, previsto per il prossimo 30 novembre.
    A decollare dallo scalo aeroportuale di Sant’Anna sarà, come più volte sostenuto, il Crotone Calcio, che volerà con il trade mark flyservus.
    La società del Crotone Calcio si è spesa molto in direzione della ripresa dell’attività dell’importante infrastruttura del crotonese.
    Innumerevoli gli appelli del presidente Gianni Vrenna
    Giovedì mattina dunque la pista tornerà a sentire il rombo dei motori di un aereo, cosa che non accadeva più dal novembre 2016.
    Dopo il Piano di Emergenza attuato nella giornata del 27 novembre, nella giornata di oggi, 28 novembre, si è lavorato agli ultimi adempimenti burocratici, per ridare vita ad una struttura che ad oggi, visto lo stato in cui versano SS 106 e strada ferrata, rimane l’unico vera infrastruttura di collegamento con il resto del Paese.
    Da questa mattina, la struttura dalle 07,00 alle 23,00 ha accolto i dipendenti e tecnici di Sacal che hanno avuto modo di prendere possesso delle loro postazioni ed è stata attivata la vigilanza, una delle novità rispetto al passato.
    Per quanto concerne i voli, due le date che faranno registrare l’attività volativa: il 30 novembre e il 3 dicembre.
    Entrambe le date ruotano intorno al mondo del calcio: la prima, come detto, riguarda il volo dell’Fc Crotone Calcio in occasione dell’impegno di Coppa Italia (a Genova), la seconda, quella del 3 dicembre, riguarda l’Udinese che atterrerà e ripartirà dal Sant’Anna per l’impegno di campionato.
    La struttura aeroportuale di Sant’Anna dunque è operativa, il 30 l’ufficialità, ma affinché i crotonesi possano decollare e atterrare bisognerà aspettare la messa on line del sito della compagnia

    https://wesud.it/video-aeroporto-san...ark-flyservus/

  10. #35
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Ecco il nuovo vettore che operera' a CRV:
    https://www.flyservus.com/index.php5?lang=it

  11. #36
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Partire l'8 gennaio non mi pare il massimo. Perdendo quel poco di traffico natalizio VFR poteva provare ad intercettare.


    Fly Servus sbarca a Crotone: voli per Bologna, Milano, Roma e Londra


    Prenderà il via l’8 gennaio 2018 l’operativo Fly Servus da Crotone. La compagnia aerea austriaca presente sul mercato da 15 anni attiverà 4 collegamenti nazionali e internazionali.
    I voli, riporta italiavola.com, sono già prenotabili e permetteranno di raggiungere Bologna, Milano Malpensa, Roma e Londra Luton.
    Tutte le rotte prevedono due frequenze a settimana. Il collegamento verso Londra Luton, nello specifico, sarà operato il venerdì e la domenica.
    I collegamenti saranno operati con aeromobili Boeing 737. TTG


  12. #37
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,418

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    Ecco il nuovo vettore che operera' a CRV:
    https://www.flyservus.com/index.php5?lang=it
    Sorvoliamo sull'italiano, ma mi chiedo se abbiano un'idea del peso medio di un computer portatile!

    Il bagaglio a mano non dovrà superare un peso di 6 kg (8 kg per computer portatili)


  13. #38
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    AEROPORTO SANT’ANNA: FLYSERVUS SI PRESENTA E SCRIVE AI CROTONESI

    Con una lettera aperta, scritta in inglese che abbiamo provveduto a tradurre, FlyServus scrive ai crotonesi e a tutti i potenziali passeggeri.
    Nella lettera aperta la società austriaca si presenta e illustra la sua politica di marketing e i prossimi passi che la porteranno a far decollare dall’8 gennaio i suoi aeromobili da e per Crotone.
    Gentile Sig.ra / Sig
    La nostra azienda Common Sky A & N Luftfahrt Gmbh, Austria che opera con il suo nome commerciale Flyservus è una compagnia aerea con sede in Austria, con sede a Vienna, fondata e operativa dal 2002
    Operiamo i vari tipi di aeromobili partendo da un Business Jet fino alle dimensioni di un Artbus A 319
    La nostra azienda è felice di iniziare l’operazione l’8 gennaio 2018 da e per Crotone.
    Questo progetto è stato possibile solo grazie al grande coinvolgimento di De Felice, CEO di SACAL, che ha creduto a Crotone e non ha esitato a investire denaro e tempo, quindi l’aeroporto può essere riaperto dopo un anno
    La nostra compagnia aerea offre prezzi fissi senza variazioni, senza costi nascosti per i passeggeri.
    Abbiamo appreso in vari blog su Internet che i passeggeri credono che i nostri prezzi siano troppo alti, ma se si calcola
    1. Nessun costo aggiuntivo di trasferimento da Crotone a un altro aeroporto
    2. Bagagli inclusi nel prezzo del biglietto
    3. Catering incluso nel prezzo del biglietto
    4. I bambini fino a 2 anni viaggiano gratis … ..e molti altri vantaggi, i nostri prezzi sono molto attraenti per tutti.
    Il nostro programma si basa sulle esigenze dei passeggeri che ruotano intorno a Crotone, in modo che possano partire la mattina, prendersi cura dei loro affari e fare ritorno in serata a casa in Calabria.
    Nel momento in cui i passeggeri possono prenotare solo fino al 25 marzo 2018, quando l’orario invernale finirà
    Entro la metà di gennaio 2018 verrà pubblicato anche il programma estivo e le prenotazioni potranno essere effettuate anche oltre marzo 2018
    Capiamo che è stato difficile per le persone intorno a Crotone negli ultimi 12 mesi essere senza un aeroporto funzionante, ma poiché l’aeroporto è di nuovo aperto, faremo il miglior servizio possibile disponibile per i nostri nuovi viaggiatori.
    Speriamo di dare il benvenuto a molti passeggeri a bordo del nostro Boeing 737 o Airbus A 319, che saranno entrambi collocati a Crotone come base di partenza
    La nostra hotline di lingua italiana sarà operativa dal 1 ° gennaio 2018 per eventuali domande, ma per il momento tutti i passeggeri possono contattarci via e-mail: information@flyservus.com

    https://wesud.it/aeroporto-santanna-...-ai-crotonesi/

  14. #39
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,418

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    La sola lettura del comunicato fornisce la cifra esatta della ridicolaggine dell'operazione.

  15. #40

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    La sola lettura del comunicato fornisce la cifra esatta della ridicolaggine dell'operazione.
    CVD
    ____________________-


    Solo 47 prenotazioni, stop ai voli da Crotone

    Il numero di biglietti venduti in 30 giorni è insufficiente a garantire il servizio. Lo ha annunciato la società Flyservus che provvederà a rimborsare i passeggeri. Per oggi prevista la riunione del Cda Sacal

    CROTONE Non riprendono i voli all’aeroporto di Crotone. È la stessa società Flyservus a spiegare le ragioni del mancato decollo dello scalo, in un messaggio inviato ai 47 cittadini, che negli ultimi 30 giorni, avevano prenotato un volo dal Sant’Anna. Le prenotazioni sono insufficienti per potere garantire il servizio. Per il momento la Flyservus informa gli utenti che provvederà a restituire subito i soldi dei biglietti pagati. Della situazione è stata informata anche la Sacal, che ha detto: «Non abbiamo accettato la situazione di buon grado». Oggi la Sacal riunirà il consiglio di amministrazione per valutare la situazione. Ma c’è poco da valutare, l’aeroporto di Crotone resta aperto ma senza voli. Eppure, dicono dalla Sacal, il progetto della Flyservus era e resta ambizioso. Resta ambizioso, perché la compagnia spera di avere maggiore fortuna a partire dal prossimo 26 marzo. Significa che la Flyservus riproporrà voli a partire dal prossimo 26 marzo, addirittura con l’aggiunta di nuove tratte. Almeno questo dicono dalla Sacal. Intanto il primo tentativo è fallito, nonostante la compagnia abbia anche tentato di creare interesse abbassando i costi proposti al momento della presentazione del progetto. Avrebbe dovuto, comunque, valutare che anche l’aeroporto di Lamezia Terme nei mesi successivi alle feste di Natele e Capodanno subisce una crisi dovuta all’abbassamento dei volumi di traffico. Figurarsi se un aeroporto piccolo qual è quello di Crotone potesse garantire business in un periodo “morto”. L’aeroporto Sant’Anna andava aperto i primi di dicembre, così come era stato annunciato. I numeri di dicembre e della prima settimana di gennaio avrebbero consentito di equilibrare eventuali perdite nei mesi successivi. Sull’utenza, poi, ha anche influito la mancanza di fiducia, figlia naturale di annunci non seguiti da fatti.

    Gaetano Megna
    redazione@corrierecal.it


    https://www.laltrocorriere.it/solo-4...-voli-crotone/
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  16. #41

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Ridicoli con quei prezzi dove volevano andare... e inoltre senza servizio rifornimento a CRV i voli dovevano fare scalo a Lamezia e rifornire... R.I.D.I.C.O.L.I. E c'è chi rassicura ancora per la ricerca di nuovi vettori... mah

  17. #42
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Aeroporto di Crotone, tutti contro la compagnia Flyservus
    Oliverio: «Decisione grave». Bianchi chiama Delrio


    CROTONE - Anche il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, boccia senza mezzi termini la scelta della compagnia Flyservus di rinviare l'apertura dell'aeroporto di Crotone. Il governatore ha sostenuto che la decisione «di cancellare i voli dopo l’attivazione delle prenotazioni è di una gravità inaudita e provoca enormi danni di immagine al territorio, alla Sacal ed alle istituzioni che, in questi mesi, hanno profuso un impegno concreto e determinato per la riattivazione dell’aeroporto di Crotone».
    La decisione comunicata dalla compagnia a quanti avevano già prenotato un volo, ha scatenato diverse polemiche (LEGGI), ma ha soprattutto cancellato le speranze della città e di un intero comprensorio. Il sottosegretario al Ministero dei Beni culturali ed al Turismo, Dorina Bianchi, ha chiesto l'intervento del Ministro Delrio: «Ho appena sentito il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio con il quale abbiamo condiviso l’assoluta necessità di chiedere chiarimenti al presidente della Sacal, la società di gestione degli aeroporti calabresi, De Felice, su quanto accaduto per scongiurare ulteriori azioni e strategie improvvisate che di certo non giovano al sistema aeroportuale calabrese e di attivare ogni canale possibile - ha aggiunto - per trovare soluzioni concrete per il mantenimento e lo sviluppo dello scalo Sant'Anna».
    Il presidente Oliverio, invece, ha criticato senza mezzi termini, aggiungendo: «Bene ha fatto la Sacal ad annunciare le azioni legali possibili a sua tutela. Ora si impone una iniziativa immediata per ricercare compagnie di volo che consentano, in tempi brevi, i collegamenti da Crotone. Anche per questo promuoverò un incontro con il presidente di Sacal De Felice e con il sindaco di Crotone Pugliese».
    «L'aeroporto di Crotone - conclude il presidente della Regione Calabria - rimane pienamente in condizione di essere attivo. Bisogna assumere le iniziative necessarie a garantire in tempi brevi i collegamenti. Per realizzare questo obbiettivo la Regione Calabria è pienamente in campo».
    Anche il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, è tornato ad affrontare il problema, chiamando «a raccolta la città, le istituzioni, la politica, le associazioni, i sindacati, i cittadini a difesa del diritto alla mobilità».
    Nella sala consiliare del Comune, dopo aver condiviso all’unanimità le proposte a difesa dello scalo aeroportuale con i capigruppo in Consiglio, il sindaco ha incontrato i rappresentanti delle associazioni e delle forze sindacali.
    «La città - prosegue la nota - si è ritrovata compatta a difesa del diritto alla mobilità. Nel corso della riunione il sindaco ha illustrato e condiviso con le forze datoriali e sindacali alcuni punti specifici: un’azione dimostrativa e forte a Lamezia Terme ed eventualmente a Roma; la richiesta di un incontro al management di Sacal; un incontro urgente con Sacal, Regione, Enac e Ministero dei Trasporti con la presenza delle rappresentanze parlamentari; un incontro con il presidente della Regione che in un colloquio telefonico con il sindaco ha già dato la sua disponibilità; la possibilità di intraprendere una azione legale contro Flayservus».

    http://www.quotidianodelsud.it/calab...erio-decisione

  18. #43
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    15,418

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Tutto 'sto casino per 47 (quarantasette!) prenotati? Ma il senso del ridicolo non sfiora proprio nessuno? Nessuno che si chieda con quali soldi debbano essere pagati gli stipendi, a cominciare da quelli del CDA?

  19. #44

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    A tutto sto accrocchio va aggiunto che lo scalo non ha più un certificato ENAC idoneo all'operatività.

    https://www.enac.gov.it/repository/C...ati_171228.pdf

  20. #45
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Ing. Mario Guadagnuolo, Consigliere di amministrazione e Amministratore Unico Sacal GH S.p.A

    Riceviamo e pubblichiamo-

    La vicenda dell’aeroporto di Crotone, che è stata nei giorni scorsi stigmatizzata sui media regionali e nazionali, è sintomatica di una gestione inappropriata della S.A.Cal. S.p.A., che si sta operando da circa otto mesi.

    Fin dall’insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione, avvenuto l’11 maggio scorso, sono emerse, in forma chiara ed evidente, due scuole di pensiero e due “modi operandi” totalmente diversi: da un lato, chi, come me, ha promosso azioni volte ad una gestione esclusivamente manageriale e mirata al raggiungimento di obiettivi di sviluppo, di traffico aereo e di bilancio, a breve, medio e lungo termine; dall’altro, chi ha avuto il timone in mano, ed ha effettuato una navigazione a vista, senza alcuna preventiva programmazione e organizzazione.

    Fin da subito, ho evidenziato che “in una gestione manageriale i sentimenti e i desideri devono trovare conforto nei numeri” e che sarebbe stato necessario predisporre, senza indugio, piani industriali aggiornati e attendibili per gli aeroporti di Reggio Calabria e Crotone, nonché il nuovo piano industriale della S.A.Cal., riguardante le prospettive della gestione integrata dei tre scali calabresi, mantenendo quale fulcro l’aeroporto internazionale di Lamezia Terme, non a caso collocato tra gli scali strategici nel Piano Nazionale degli Aeroporti.

    Tutto ciò sarebbe stato indispensabile per fare una seria previsione e programmazione della gestione unitaria dei tre scali calabresi, con dati attendibili, prospettive concrete e lungimiranti, e obiettivi raggiungibili.

    Tali considerazioni sono state da me effettuate nell’ambito delle riunioni dei C.d.A. della S.A.Cal., nonchè dettagliatamente evidenziate nella relazione da me presentata nella seduta del Consiglio Comunale di Lamezia Terme dello scorso 19 settembre – per la quale ho ricevuto gli apprezzamenti unanimi di tutti i Consiglieri Comunali (sia di maggioranza che di opposizione) – e poi depositata e allegata al verbale del C.d.A. tenutosi nel pomeriggio dello stesso giorno, nel quale ho evidenziato anche le priorità deliberate nello stesso Consiglio Comunale, tra cui, in primis, la realizzazione della nuova aerostazione nello scalo di Lamezia Terme, la redazione dei piani industriali e la salvaguardia dei livelli occupazionali.

    Proprio per questo, ritengo siano non peregrine le preoccupazioni del Sindaco di Crotone sul futuro dello scalo pitagorico, avendo evidenziato “lentezza”, “improvvisazione”, “leggerezza”, “assenza di un reale piano di rilancio”, e che “la S.A.Cal. non ha il management necessario per affrontare la sfida della gestione unitaria dei tre scali calabresi”.

    Ma se è stata operata una gestione improvvisata e raffazzonata da parte della S.A.Cal., nonchè priva di alcuna visione strategica, non si può non evidenziare che il management della S.A.Cal., fin dal nostro insediamento, è stato ed è attualmente rappresentato solo ed esclusivamente dal Presidente e Amministratore Delegato Dott. Arturo De Felice, che assomma in sé tutte le deleghe e, quindi, tutte le responsabilità sui risultati presenti e futuri.

    Al riguardo, nel Consiglio di Amministrazione abbiamo fin dal principio offerto disponibilità e aiuto al Dott. De Felice, con proposte e azioni concrete, non avendo certo l’intenzione di ledere maestà, ma il Presidente ha fortemente voluto operare in forma di “uomo solo al comando”, senza condividere e accettare idee e suggerimenti.

    Pertanto, pur in assenza dei piani industriali e di una seria e concreta programmazione, l’azione della S.A.Cal. è stata improntata, dapprima, sull’acquisizione della gestione dello scalo di Reggio Calabria, e, immediatamente a seguire, sulla riapertura e gestione dello scalo di Crotone, affidandosi incautamente ad un intermediario commerciale di una compagnia aerea, con i risultati che ben conosciamo.

    In molti si stanno chiedendo quali saranno gli effetti sul bilancio 2017, ma soprattutto su quello del 2018, della S.A.Cal. S.p.A., per via degli investimenti infruttuosi effettuati finora su Crotone e di quelli effettuati su Reggio Calabria (comprese le spese per le attrezzature e per il personale). Ma di ciò, ad oggi, nessuno è a conoscenza, come non si è a conoscenza delle previsioni di “break even point” per ciascuna delle due nuove gestioni.

    Ma vi è di più. Pur rappresentando lo scalo lametino il “core business” della S.A.Cal. S.p.A., tale discutibile opera gestionale ha, peraltro, finora, penalizzato lo scalo “strategico” internazionale di Lamezia Terme, per il quale in questi mesi nulla è stato fatto, nonostante le mie sollecitazioni in C.d.A. a potenziare, a brevissimo termine, l’attuale aerostazione (anche implementando nuove aree check-in ed efficienti e moderne infrastrutture informatiche), nonchè ad accelerare la realizzazione della nuova aerostazione, indispensabili per scongiurare gli attuali pericoli di sicurezza per i passeggeri nei casi di “troppo pieno” dell’aerostazione, migliorare sensibilmente la qualità dei servizi ai passeggeri ed attrarre nuove aliquote di traffico passeggeri sulle rotte nazionali e internazionali.

    Infine, nell’ultimo C.d.A. di S.A.Cal. dello scorso mese di dicembre – ancora una volta senza aver prodotto alcun preventivo studio di fattibilità sulla migliore soluzione tecnico-economica da adottare – su proposta del Presidente e A.D. Dott. De Felice, è stato deliberato, con il mio voto contrario, di affidare a terzi la gestione dei servizi di handling negli scali di Reggio Calabria e Crotone, senza valutare se potesse essere più conveniente gestirli attraverso la controllata Sacal GH, godendo in tali scali del monopolio sulla gestione di tali servizi, essendo al di sotto della soglia dei 2 milioni di passeggeri.

    Diversamente dalla gestione S.A.Cal. sono andate le cose in Sacal GH S.p.A., società controllata da S.A.Cal. S.p.A., che si occupa della gestione dei servizi a terra, ai passeggeri e agli aeromobili, nello scalo lametino, nella quale Sacal GH, dallo scorso 11 maggio, rivesto il ruolo di Amministratore Unico, su nomina del C.d.A. di S.A.Cal. e su proposta del Presidente De Felice “in considerazione della esperienza e professionalità”, come si rileva dal mio curriculum e dal verbale del C.d.A..

    Difatti, sulla mia gestione altamente manageriale della Sacal GH, i Consiglieri di Amministrazione della S.A.Cal., tra cui il Presidente De Felice, nella seduta dello scorso 14 settembre “apprezzano l’operato svolto nell’interesse della società controllata”, mentre nell’Assemblea dei Soci della S.A.Cal. dello scorso 9 ottobre e nell’Assemblea del Socio Unico (S.A.Cal.) della Sacal GH dello scorso 14 novembre, sono state evidenziate le risultanze positive dei primi mesi della mia gestione e le previsioni incoraggianti dei risultati di fine anno 2017.

    Inoltre, nel corso dell’incontro della Sacal GH con le Organizzazioni Sindacali, dello scorso 18 ottobre, su mia proposta, è stato approvato il “Regolamento di valutazione e valorizzazione del personale”, e le OO.SS. hanno dichiarato che si è trattato di un accordo che rappresenta una “svolta epocale” in quanto i lavoratori “non saranno più valutati sulla base di simpatie o raccomandazioni politiche ma sul merito e sul valore di ciascun dipendente”.

    È chiaro ed evidente, pertanto, che la mia esperienza e opera manageriale rappresenta, in S.A.Cal., elemento di disturbo per “il manovratore” o “i manovratori” del momento.

    Ma è altrettanto evidente che io sia stato nominato nel C.d.A. della S.A.Cal. non dal Comune di Lamezia Terme ma dall’Assemblea dei Soci della S.A.Cal., e che io sia stato nominato Amministratore Unico della Sacal GH non dal Comune di Lamezia Terme bensì dal C.d.A. della S.A.Cal..

    Resta il fatto che la preoccupante vicenda di Crotone è soltanto la punta dell’iceberg dell’attuale discutibile gestione degli aeroporti calabresi.

    La Calabria, per volare alto, non ha bisogno di presunti manager docili e plaudenti, ma di manager e tecnici autorevoli, seri e competenti, per incentivare (e non spaventare) gli investimenti, soprattutto quelli privati, assolutamente indispensabili per ricreare lo sviluppo e l’occupazione di questa regione.

    https://www.lamezialive.it/male-dell...al-gh-s-p.html

  21. #46

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    A Lamezia stanno cominiciando a volare gli stracci in seguito allo scioglimento del Consiglio Comunale per infiltrazione mafiosa. E questa situazione è destinata a perdurare per almeno altri 18 mesi. In bocca al lupo a tutti, di cuore.
    Un moteur d'auto dans le ventre et un d'avion dans le coeur

  22. #47
    Amministratore L'avatar di enrico
    Registrato dal
    Jan 2008
    residenza
    Rapallo, Liguria.
    Messaggi
    14,473

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    A scanso di equivoci certi aeroporti andrebbero rasi al suolo e convertiti in parchi, caso mai a qualcuno venissero in futuro ulteriori strane idee.

  23. #48
    Bannato
    Registrato dal
    Mar 2010
    residenza
    Wimbledon
    Messaggi
    1,107

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Quote Originariamente inviato da aless Visualizza il messaggio
    A Lamezia stanno cominiciando a volare gli stracci in seguito allo scioglimento del Consiglio Comunale per infiltrazione mafiosa. E questa situazione è destinata a perdurare per almeno altri 18 mesi. In bocca al lupo a tutti, di cuore.
    Ne avranno bisogno.

    E per Crotone oggi i giornali nazionali hanno questi articoli:

    Crotone, “dieci ‘ndranghetisti eletti nei comuni. Il presidente della Provincia è affiliato al clan Farao”

    Primi cittadini, assessori, consiglieri comunali: in provincia di Crotone i politici non erano un semplice concorrente esterno della ‘ndrangheta. Per i magistrati che hanno coordinato l’indagine Stige, per esempio, il sindaco di Cirò Marina era un vero e proprio affiliato al clan Farao-Marincola. E anche chi era stato eletto al posto suo nel 2011 è stato arrestato con l'accusa di essere vicino alle cosche. Scrivono gli inquirenti: "Si era verificata una scissione tra le due correnti politiche, che, di fatto, favoriva l’alternanza sempre comunque seguendo un disegno imposto dalla cosca"

    di Lucio Musolino | 9 gennaio 2018

    ...

    da https://www.ilfattoquotidiano.it/201...farao/4082358/

  24. #49

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Forse dal primo aprile torna Ryanair, evitando procedure di INFLAZIONE e con un bel pesce.
    Ma come facevano per il rifornimento quando operavano il volo in precedenza?
    http://www.aeroporticalabria.com/vol...al-01-04-2018/

  25. #50
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,994

    Predefinito Re: Aeroporto Crotone, da dicembre riapre ai voli di linea

    Aeroporto Crotone, il 9 febbraio sindaci in catene davanti alla Sacal

    CROTONE – La manifestazione a Lamezia davanti alla sede della Sacal per chiedere l’immediata ripresa dei voli sull’aeroporto di Crotone si terrà il prossimo 9 febbraio quando i sindaci della fascia ionica che parteciperanno si incateneranno davanti all’aeroporto lametino. E’ questa l’indicazione scaturita dall’assemblea pubblica che si è tenuta questa mattina nell’aula consiliare del comune di Crotone. Presenti i sindaci di Cirò (Francesco Paletta), Belvedere Spinello (Rosario Macrì), Rocca di Neto (Tommaso Blandino), Melissa (Gino Murgi), Carfizzi (Carmine Maio), San Nicola dell’Alto (Francesco Scarpelli) e Rossano (Stefano Mascaro) ed il vicesindaco di Cerenzia (Francesco Lista). Anche il commissario prefettizio di Isola Capo Rizzuto ha dato comunicazione al sindaco Pugliese di aderire alle eventuali iniziative che saranno prese.
    Il più battagliero è apparso il primo cittadino di Melissa, Gino Murgi, che ha proposto a tutti i suoi colleghi di incatenarsi davanti alla Sacal di Lamezia riscuotendo un generale consenso. Proposta accolta all’unanimità e fatta propria anche dal presidente di Confindustria, Michele Lucente.

    Significativo l’intervento di Mascaro, sindaco di Rossano: “Per noi dello Ionio l’aeroporto è quello di Crotone”. Mascaro ha aggiunto che in questa battaglia i crotonesi potranno contare sull’appoggio di Rossano commentando che “è un delitto non fare funzionare le cose che servono”. Quindi, rispetto all’ipotesi di un quarto aeroporto da realizzare in Calabria oltre ai tre già esistenti ha chiosato: “Sibari? Siamo realisti, siamo una regione piccola non possiamo permetterci cose in più”.

    Dal canto suo il sindaco di Crotone Ugo Pugliese ha annunciato il comune di Crotone è disposto a pagare di tasca propria il servizio Atc sulla torre di controllo per consentire a Ryanair di volare dal Sant’Anna. Anche se per un breve periodo – ha aggiunto Pugliese – nel frattempo che venga approvato il decreto dal ministero dell’Economia che finanzia il servizio come già avviene per tutti gli scali di interesse nazionale. “Ci fermeremo – ha detto Pugliese – quando gli aerei saranno sulla pista dell’aeroporto di Crotone”.

    Le modalità di adesione alla protesta da parte dei cittadini saranno rese note nei prossimi giorni.

    http://www.ilcrotonese.it/aeroporto-...ti-alla-sacal/

Pagina 2 di 4 primaprima 1234 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 24th October 2017, 11: 14
  2. Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 9th August 2011, 13: 19
  3. Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 1st December 2010, 20: 26
  4. Blue Panorama riapre i voli di linea per Bangkok
    Da goafan nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 22nd February 2009, 17: 09
  5. Aeroporto di Crotone, riattivazione voli per Roma e Milano
    Da gcasti nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 14th December 2008, 22: 47

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO