Pagina 1 di 20 12311 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 25 su 489

Discussione: Thread Alitalia - Marzo 2018

  1. #1
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,228

    Predefinito Thread Alitalia - Marzo 2018

    Se i moderatori me lo consentono, visto il nuovo mese apro un nuovo thread, con una classica O'Leary-ata di ieri.


    Alitalia, l’idea di O’Leary (Ryanair): «Ora guadagna, non vendetela più»


    Il ceo di Ryanair, Michel O’Leary, spiega il ritiro della sua compagnia dalla gara per Alitalia: «Vendere a Lufthansa o ad Air France la renderà una succursale».

    Per Alitalia il miglior futuro è che resti indipendente. Lo ha detto il ceo di Ryanair Michael O’Leary che si è complimentato per la gestione della compagnia da parte dei commissari. «Da qualche mese la compagnia è diventata profittevole - ha spiegato - I commissari hanno fatto un ottimo lavoro. «Noi ci siamo ritirati dalla corsa su Alitalia», ha detto, ma «ai commissari abbiamo voluto esprimere il nostro parere positivo sul lavoro fatto e i complimenti sulle condizioni attuali. La nostra opinione che forse non è neanche necessario venderla». Per il ceo di Ryanair, Michael O’Leary, a Roma per lanciare la programmazione invernale 2018/2019 che prevede 37 nuove rotte in Italia e per portare avanti il dialogo sulla rappresentanza sindacale, «Alitalia venduta a Lufthansa o Air France potrebbe diventare succursale di Francia o Germania. Non bisogna svenderla a grandi compagnie che la utilizzerebbero per i loro voli a lungo raggio. È importante che Alitalia continui sulla sua strada, può proseguire e continuare a crescere».

    http://www.corriere.it/economia/18_f...b49a1cfe.shtml

  2. #2

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    Se i moderatori me lo consentono, visto il nuovo mese apro un nuovo thread, con una classica O'Leary-ata di ieri.


    Alitalia, l’idea di O’Leary (Ryanair): «Ora guadagna, non vendetela più»


    Il ceo di Ryanair, Michel O’Leary, spiega il ritiro della sua compagnia dalla gara per Alitalia: «Vendere a Lufthansa o ad Air France la renderà una succursale».

    Per Alitalia il miglior futuro è che resti indipendente. Lo ha detto il ceo di Ryanair Michael O’Leary che si è complimentato per la gestione della compagnia da parte dei commissari. «Da qualche mese la compagnia è diventata profittevole - ha spiegato - I commissari hanno fatto un ottimo lavoro. «Noi ci siamo ritirati dalla corsa su Alitalia», ha detto, ma «ai commissari abbiamo voluto esprimere il nostro parere positivo sul lavoro fatto e i complimenti sulle condizioni attuali. La nostra opinione che forse non è neanche necessario venderla». Per il ceo di Ryanair, Michael O’Leary, a Roma per lanciare la programmazione invernale 2018/2019 che prevede 37 nuove rotte in Italia e per portare avanti il dialogo sulla rappresentanza sindacale, «Alitalia venduta a Lufthansa o Air France potrebbe diventare succursale di Francia o Germania. Non bisogna svenderla a grandi compagnie che la utilizzerebbero per i loro voli a lungo raggio. È importante che Alitalia continui sulla sua strada, può proseguire e continuare a crescere».

    http://www.corriere.it/economia/18_f...b49a1cfe.shtml
    Se non ci fosse, MOL bisognerebbe inventarlo, riesce sempre a fare ridere

  3. #3
    Bannato
    Registrato dal
    Jun 2016
    residenza
    FOG
    Messaggi
    1,256

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Paolo_61 Visualizza il messaggio
    Se non ci fosse, MOL bisognerebbe inventarlo, riesce sempre a fare ridere
    Quando si dice consigli disinteressati . . .

  4. #4

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Ulisse di marzo nelle tasche con un giorno di anticipo (volo di ieri), record?

    G

  5. #5
    Junior Member
    Registrato dal
    Oct 2017
    residenza
    Fasano, BR, Puglia
    Messaggi
    221

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da AlicorporateUK Visualizza il messaggio
    Ulisse di marzo nelle tasche con un giorno di anticipo (volo di ieri), record?

    G
    Io l’ho avuto su un volo due giorni prima di Aprile di 5 anni fa... però possiamo dire che è un grande risultato

  6. #6
    Junior Member L'avatar di Senator
    Registrato dal
    May 2010
    residenza
    Carate B.za (MB) Marina di Castagneto Carducci (LI)
    Messaggi
    298

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da AlicorporateUK Visualizza il messaggio
    Ulisse di marzo nelle tasche con un giorno di anticipo (volo di ieri), record?

    G
    Vedremo oggi sulla 679...

  7. #7

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    E' possibile che sia in atto una sorta di rebranding riportando il tutto al periodo pre-Etihad? Ho dato uno sguardo all'aeroporto di Cagliari ed il logo pare sia tornato con font Alitalia di Etihad ma logo Sky Team a fianco su uno sfondo in tonalita totalmente verde scuro e non sfumato.
    BLQ-BGY-CAG-DUB-FCO-GOA-GRO-KBP-MXP-MUC-OLB-PSA-STN-TBS-TPS-TRN-TRS-TSF-VCE

  8. #8
    Junior Member
    Registrato dal
    Oct 2017
    residenza
    Fasano, BR, Puglia
    Messaggi
    221

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da D960 Visualizza il messaggio
    E' possibile che sia in atto una sorta di rebranding riportando il tutto al periodo pre-Etihad? Ho dato uno sguardo all'aeroporto di Cagliari ed il logo parte tornato con font Alitalia di Etihad ma logo Sky Team a fianco su uno sfondo in tonalita totalmente verde scuro e non sfumato.
    Penso proprio di sì

  9. #9

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Senator Visualizza il messaggio
    Vedremo oggi sulla 679...
    Buona lettura! P.S.: Carla Bruni in copertina e Nairobi prontamente rimossa dalla mappa tra gli ‘highlights’ 😂

    G

  10. #10

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da D960 Visualizza il messaggio
    E' possibile che sia in atto una sorta di rebranding riportando il tutto al periodo pre-Etihad? Ho dato uno sguardo all'aeroporto di Cagliari ed il logo pare sia tornato con font Alitalia di Etihad ma logo Sky Team a fianco su uno sfondo in tonalita totalmente verde scuro e non sfumato.
    Non vorrei sbagliarmi/confondermi ma nella lounge ex-H è scomparso il logo Etihad (parete reception).

    G

  11. #11
    Senior Member L'avatar di alitaliaboy
    Registrato dal
    Jul 2007
    residenza
    .
    Messaggi
    2,131

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da AlicorporateUK Visualizza il messaggio
    Non vorrei sbagliarmi/confondermi ma nella lounge ex-H è scomparso il logo Etihad (parete reception).

    G
    I loghi Etihad si stanno rimovendo dappertutto

  12. #12
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,228

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Vito Riggio:


    Alitalia «Si salverà di sicuro. Senza fondersi con Fs»

    ROMA
    Come vede il futuro di Alitalia?
    «Alitalia vola in assoluta sicurezza. La garanzia economica c’è. Sulle varie ipotesi preferisco non pronunciarmi».
    Meglio che resti in Italia?
    «Sarebbe meglio ma non mi sembra che ci siano i capitali disponibili. In ogni caso serve una forte alleanza con uno dei principali player mondiali, anche perché presto in Europa resteranno solo tre grandi compagnie: British, Air France, Lufthansa».
    Italo è passata in mani americane perché nel trasporto ferroviario non c’è alcuna norma che lo proibisca. Nel trasporto aereo invece un socio extra Ue, come accaduto a Ethiad, può detenere al massimo il 49%. Perché?
    «Questa è una misura protezionistica imposta da Francia e Germania che temono rischi per la leadership delle loro compagnie e la concorrenza delle compagnie del Golfo. È impossibile cambiare le regole contro il loro volere ma per l’Italia sarebbe più conveniente aprire a chiunque, soprattutto ai grandi fondi internazionali».
    E per il futuro cosa vede?
    «Nel futuro vedo un mercato globale. Tutti gli attuali equilibri saranno superati e avremo bisogno di un’unica grande compagnia europea per sopravvivere davanti all’assalto della Cina».
    Nel frattempo Meridiana ha creato Air Italy, società con Qatar Airways …
    «Meridiana, dopo tanti problemi, finalmente ha trovato un partner serio. Se davvero mettono in campo 50 aerei e rinforzano la dimensione internazionale che serve al Paese ci sono buone prospettive di crescita e potrebbe seriamente far concorrenza ad Alitalia».
    E in prospettiva è possibile una fusione con Alitalia?
    «Certo che è possibile, ma occorre che puntino insieme sul mercato internazionale. Ma bisogna fare in fretta perché tra poco anche quel mercato sarà occupato: Norwegian ha già iniziato i voli intercontinentali da Roma».
    Vede possibile un intervento di Cdp su Alitalia?
    «La Cassa depositi e prestiti può intervenire per statuto solo su aziende che fanno utili. È una banca, non sa fare il mestiere degli industriali e in ogni caso non possiamo sempre rinverdire la storia».
    E una fusione con Fs, creando un colosso integrato ferrovie, aerei, strade?
    «È un ritorno al passato, ai primi anni del ‘900. Non credo ci siano i margini».

    http://qneconomia.quotidiano.net/da-...tice-dellenac/

  13. #13
    Moderatore L'avatar di Dancrane
    Registrato dal
    Feb 2008
    residenza
    Milano
    Messaggi
    14,806

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Nel frattempo si trova la MXP/JFK sotto i 300 euro

    https://www.momondo.it/flightsearch/...A%3A1519987848


  14. #14

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Dancrane Visualizza il messaggio
    Nel frattempo si trova la MXP/JFK sotto i 300 euro

    https://www.momondo.it/flightsearch/...A%3A1519987848
    E 1600 in J.

  15. #15

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Paolo_61 Visualizza il messaggio
    E 1600 in J.
    Con EK sulla tratta gli yields sono calati a picco....

  16. #16

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Comunque le tariffe si queste rotte sono decise a livello di JV.. e con questo andazzo secondo me qualcuno si farà male..

  17. #17
    Member
    Registrato dal
    Apr 2008
    residenza
    .
    Messaggi
    1,660

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da EdoC Visualizza il messaggio
    Con EK sulla tratta gli yields sono calati a picco....
    scusate...ma tenendo le stesse date 11 18 settembre ( da CRS MXP - JFK circa 340 euro) i prezzi parigi - NY sono uguali se non un filo piu bassi ( iberia/openskyes) , da londra vedo voli a 340 con due bagagli...da madrid sei a cavallo dei 350...BCN 370 anche con UA con bagaglio...da roma, Venezia, Amsterdam, Ginevra, Zurigo le cose non cambiano molto...

    a me sembra che EK centri poco visto che gli Yelds sono colati a picco in tre quarti di europa sui voli per NY...

  18. #18
    Senior Member
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    N/D
    Messaggi
    33,000

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da rommix Visualizza il messaggio

    a me sembra che EK centri poco visto che gli Yelds sono colati a picco in tre quarti di europa sui voli per NY...
    Effetto Norwegian...

  19. #19
    Member
    Registrato dal
    Apr 2008
    residenza
    .
    Messaggi
    1,660

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Cesare.Caldi Visualizza il messaggio
    Effetto Norwegian...
    non solo....guardate per quelle date sulla parigi - ny quante low cost ci sono....è IMPRESSIONANTE e vengono tutte sulle 300 a r

    PRIMERA
    NORWEGIAN
    LEVEL
    XL
    OPEN SKYES

  20. #20

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Cesare.Caldi Visualizza il messaggio
    Effetto Norwegian...
    Effetto sovracapacità. Dopo anni di fusioni e JV con lo scopo di alzare gli yields negli ultimi anni é aumentata un po' la concorrenza e nei mesi difficili gli yields e prezzi calano.

  21. #21
    Member
    Registrato dal
    Apr 2008
    residenza
    .
    Messaggi
    1,660

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    il punto è che settembre non è mai stato un un mese difficile, nemmen giugno...oramai tutto l anno trovi questi prezzi...anche per agosto era facile trovare qs prezzi...la sovracapacità c e praticamente sempre oramai

  22. #22
    Socio 2015
    Registrato dal
    Oct 2006
    residenza
    Londra.
    Messaggi
    15,228

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    ALITALIA E FERROVIE: UNA PREOCCUPANTE INDISCREZIONE

    di Istituto Bruno Leoni

    Non sappiamo quanto ci sia di vero nell’idea che Ferrovie dello Stato entri in Alitalia, oggetto nei giorni scorsi di varie indiscrezioni di stampa. Quello che preoccupa è che essa sia del tutto verosimile.


    Non sappiamo, dunque, se si tratti di un’ipotesi, un pour-parler o un progetto dettagliato; né se sul dossier stia lavorando la Cassa depositi e prestiti o se invece le Ferrovie stiano cercando di coagulare una cordata con società private. Ci auguriamo che si tratti di una fake news pre-elettorale, ma non possiamo né sminuirne l’importanza né ignorarla: e non solo perché davvero non se ne sente il bisogno, ma perché una simile manovra sarebbe in linea con diverse operazioni che hanno visto il progressivo ritorno dello Stato in aziende e settori che negli anni scorsi ne avevano invece registrato la fuoriuscita; e nel parallelo agglomerarsi di nuovi colossi pubblici (da ultimo, con l’acquisizione dell’Anas da parte di Fs). La gara per la cessione di Alitalia è in corso e, date le condizioni della compagnia, non è facile trovare acquirenti che si accontentino di poche garanzie e di facili ristrutturazioni.

    Dare alla stampa la notizia che il governo stia pensando a un suo piano nazionale, non è necessariamente uno sprone a migliorare le offerte. Può anche rivelarsi, al contrario, un modo per azzardarle, di certo un modo per ammettere che il processo di vendita non sta andando bene. Fosse realistica, l’ipotesi di un ingresso di Fs replicherebbe un film già visto. Cinque anni fa, in uno dei periodici salvataggi dell’azienda, sotto l’egida del governo Poste italiane, di proprietà del ministero dell’Economia, partecipò all’aumento di capitale con 75 milioni di euro. Soldi che, come gli altri prestiti ponte e ricapitalizzazioni con denaro pubblico, si direbbe che non siano serviti a molto. In teoria, Alitalia è una compagnia privata. In pratica, in nove anni, dall’operazione Fenice, è costata più di 7 miliardi ai contribuenti italiani, a cui si sono aggiunti recentemente i 900 milioni del prestito-ponte dell’anno scorso (alzi la mano chi crede veramente che la compagnia sarà in grado di restituirlo).

    Far entrare Fs vorrebbe dire non solo continuare a trattarla - anzi, farla ritornare anche formalmente - come un’impresa pubblica, ma anche provare a salvarla con metodi già sperimentati come fallimentari. La retorica dei campioni nazionali è già sufficientemente perniciosa: certamente gli italiani non hanno bisogno di aggiungere alla lista un bidone nazionale.

    http://www.opinione.it/economia/2018...rovie-vendita/

  23. #23

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da AZ209 Visualizza il messaggio
    ALITALIA E FERROVIE: UNA PREOCCUPANTE INDISCREZIONE

    di Istituto Bruno Leoni

    Non sappiamo quanto ci sia di vero nell’idea che Ferrovie dello Stato entri in Alitalia, oggetto nei giorni scorsi di varie indiscrezioni di stampa. Quello che preoccupa è che essa sia del tutto verosimile.


    Non sappiamo, dunque, se si tratti di un’ipotesi, un pour-parler o un progetto dettagliato; né se sul dossier stia lavorando la Cassa depositi e prestiti o se invece le Ferrovie stiano cercando di coagulare una cordata con società private. Ci auguriamo che si tratti di una fake news pre-elettorale, ma non possiamo né sminuirne l’importanza né ignorarla: e non solo perché davvero non se ne sente il bisogno, ma perché una simile manovra sarebbe in linea con diverse operazioni che hanno visto il progressivo ritorno dello Stato in aziende e settori che negli anni scorsi ne avevano invece registrato la fuoriuscita; e nel parallelo agglomerarsi di nuovi colossi pubblici (da ultimo, con l’acquisizione dell’Anas da parte di Fs). La gara per la cessione di Alitalia è in corso e, date le condizioni della compagnia, non è facile trovare acquirenti che si accontentino di poche garanzie e di facili ristrutturazioni.

    Dare alla stampa la notizia che il governo stia pensando a un suo piano nazionale, non è necessariamente uno sprone a migliorare le offerte. Può anche rivelarsi, al contrario, un modo per azzardarle, di certo un modo per ammettere che il processo di vendita non sta andando bene. Fosse realistica, l’ipotesi di un ingresso di Fs replicherebbe un film già visto. Cinque anni fa, in uno dei periodici salvataggi dell’azienda, sotto l’egida del governo Poste italiane, di proprietà del ministero dell’Economia, partecipò all’aumento di capitale con 75 milioni di euro. Soldi che, come gli altri prestiti ponte e ricapitalizzazioni con denaro pubblico, si direbbe che non siano serviti a molto. In teoria, Alitalia è una compagnia privata. In pratica, in nove anni, dall’operazione Fenice, è costata più di 7 miliardi ai contribuenti italiani, a cui si sono aggiunti recentemente i 900 milioni del prestito-ponte dell’anno scorso (alzi la mano chi crede veramente che la compagnia sarà in grado di restituirlo).

    Far entrare Fs vorrebbe dire non solo continuare a trattarla - anzi, farla ritornare anche formalmente - come un’impresa pubblica, ma anche provare a salvarla con metodi già sperimentati come fallimentari. La retorica dei campioni nazionali è già sufficientemente perniciosa: certamente gli italiani non hanno bisogno di aggiungere alla lista un bidone nazionale.

    http://www.opinione.it/economia/2018...rovie-vendita/
    La cosa preoccupante è che in Italia lo Stato imprenditore sia molto spesso poco capace per non dire peggio.

    La cosa che sarebbe servita in Italia era una buona integrazione delle infrastrutture, invece abbiamo linee ad alta velocità che bypassano FCO e MXP e rete viaria che arriva con un decennio di ritardo come successo a MXP, paradossalmente l'hub italiano per collegamenti dovrebbe essere a Bologna.

  24. #24
    Moderatore L'avatar di FlyKing
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    Genova - LIMJ
    Messaggi
    5,506

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Quote Originariamente inviato da Farfallina Visualizza il messaggio
    La cosa preoccupante è che in Italia lo Stato imprenditore sia molto spesso poco capace per non dire peggio.

    La cosa che sarebbe servita in Italia era una buona integrazione delle infrastrutture, invece abbiamo linee ad alta velocità che bypassano FCO e MXP e rete viaria che arriva con un decennio di ritardo come successo a MXP, paradossalmente l'hub italiano per collegamenti dovrebbe essere a Bologna.
    Per una volta, concordo
    Chiediti se quello che stai facendo oggi, ti avvicina al luogo dove vorresti essere domani.

  25. #25

    Predefinito Re: Thread Alitalia - Marzo 2018

    Sul sole 24 ore di oggi hanno intervistato Jérôme Salemi, direttore generale Air France-Klm per l’East Mediterranean

    «Vogliamo Alitalia nella joint venture per i collegamenti sul Nord America »
    Mara Monti
    MILANO
    Una joint venture per il Nord Atlantico insieme ad Air France-Klm, Delta Air Lines e Virgin Atlantic dove far entrare anche Alitalia. È quello a cui stanno lavorando i partner di Sky Team insieme ai commissari del vettore italiano. La scadenza è quella del 30 aprile per presentare un’offerta.
    «La partecipazione di Alitalia alla nuova joint venture è al momento oggetto di discussione - spiega Jérôme Salemi, direttore generale Air France-Klm per l’East Mediterranean -. Stiamo lavorando perché Alitalia faccia parte di questo nuovo accordo con un ruolo specifico all’interno della joint venture».
    Come cambierà la jv?
    Il nuovo accordo è stato reso necessario dalla nuova compagine azionaria che si è venuta a creare dallo scorso luglio con l’entrata di Air France-Klm in Virgin Atlantic con il 31% che si va a sommare al 49% in mano a Delta Air Lines già da qualche anno. Con questo riassetto, la joint venture che dovrebbe essere operativa dal 2019 verrà ripensata a cominciare dai voli per il Nord Atlantico e sui collegamenti dagli hub di Londra, Parigi- Charles de Gaulle e Amsterdam Schiphol. La nuova joint venture varrà il 25% del traffico tra Europa e Nord America.
    Quale potrebbe essere il ruolo di Alitalia?
    «Con Alitalia nessun incrocio azionario, ma un ruolo di socio nella joint venture (diversa dagli accordi commerciali di Sky Team, ndr), sufficiente per darle più flessibilità nei collegamenti per gli States, Canada e Messico. Alitalia è un partner importante,abbiamo legami storici, stiamo facendo ogni sforzo per non recidere questa collaborazione». Qualche passo avanti è stato già fatto come la possibilità di utilizzare i Boeing 777-300 per uno dei voli da Roma per New York, con una capacità superiore di circa cento posti.
    Aldilà di Alitalia, quali sono i piani di Air France Klm per l’Italia?
    Nel 2017 il gruppo Air France - Klm ha trasportato 99 milioni di passeggeri (di cui 15 milioni Transavia) e puntiamo a crescere tra il 4-5% nel 2018. In Italia, il nostro piano prevede una crescita dell’8% che diventa il 26% quando si consideri solamente la nostra low cost, Transavia. È un mercato importante per il gruppo, essendo il terzo in Europa ad esclusione di quello francese e dei Paesi Bassi, dietro a Gran Bretagna e Germania. Copriamo 10 aeroporti con 440 voli la settimana. E in attesa di certezze sul futuro del nostro partner di Sky Team Alitalia, abbiamo deciso di accelerare la crescita in Italia: a partire dalla prossima stagione estiva introdurremo tre nuove rotte per Parigi Charles de Gaulle, da Catania, Bari e Cagliari. Inoltre abbiamo aumentato la capacità su alcune rotte importanti. Avremo così 12 aeroporti serviti, 14 se si considera anche Transavia.
    Qual è la risposta di Air France alle «low cost»?
    Abbiamo fatto molti sforzi per migliorare la nostra competitività, abbassare i costi e investire in nuovi prodotti e servizi. Di questa strategia fa parte Transavia, la nostra low cost a medio e corto raggio che nel 2017 ha visto crescere i passeggeri trasportati dell’11% e con un load factor del 90 per cento. Sul lungo raggio, abbiamo studiato la crescita delle low cost tra Europa e Nord America e insieme ai nostri partner, compresa Alitalia, abbiamo introdotto tariffe «light economy» senza bagaglio a meno di 400 euro, a partire dal 10 aprile. Per aumentare l’offerta, lo scorso anno abbiamo lanciato Joon che non è una low cost, ma una estensione a tutti gli effetti di Air France-Klm: dal suo lancio lo scorso 1 dicembre, ha già ha trasportato 300mila passeggeri e assunto 500 dipendenti. In Italia Joon da fine marzo volerà da Roma e da Napoli aumentando l’offerta su Parigi rispettivamente del 6,7% e dell’8,6%.
    State pensando a una low cost a lungo raggio?
    Al momento nessuna decisione è stata presa. Stiamo valutando questa opportunità ma bisognerà attendere l’annuncio del nuovo piano strategico atteso durante l’estate

Pagina 1 di 20 12311 ... ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. Thread Alitalia - Febbraio 2018
    Da Edoardo nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 896
    Ultimo messaggio: 1st March 2018, 12: 59
  2. Thread Alitalia - Gennaio 2018
    Da 13900 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 1311
    Ultimo messaggio: 30th January 2018, 19: 56
  3. Thread Alitalia dal 21 marzo
    Da malpensante nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 752
    Ultimo messaggio: 30th May 2011, 14: 33
  4. Thread Alitalia dal 1° marzo
    Da atlantique nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 251
    Ultimo messaggio: 30th March 2010, 14: 11
  5. Thread Alitalia dal 3 marzo
    Da dario abbece nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 204
    Ultimo messaggio: 11th March 2009, 08: 31

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •