Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 25 su 41

Discussione: [TR] Primavera sul permafrost

  1. #1
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito [TR] Primavera sul permafrost

    Questa amabile vecchietta impellicciata è Silva Leonidovna, ritratta nel 2012 durante una visita in una località remota della Siberia nordoccidentale, 400 chilometri a nord del circolo polare artico. Cosa ci faceva lì?


    La signora è la vedova di Vadim Bovanenko, un pioniere dello studio sistematico delle risorse del sottosuolo del distretto autonomo di Yamal-Nenets che ha contribuito in maniera determinante alla nascita della provincia del petrolio e del gas della Siberia occidentale. Sotto la sua guida furono scoperti i giacimenti Tazovskoye, Novoportovskoye, Gubkinskoye e Zapolyarnoye, e venne spianata la strada per l’esplorazione del giacimento di Urengoy, il più grande al mondo. Quest’ultimo potrebbe suonare familiare a qualche forumista, essendo stato oggetto di un mio report due anni fa: LINK.

    Bovanenko morì a soli 38 anni dopo aver contratto una malattia tropicale, forse la malaria, nel 1968. Tre anni dopo, i suoi colleghi scoprirono un gigantesco giacimento di gas con riserve oggi stimate in 4.900 miliardi di metri cubi: in onore del collega scomparso, il sito venne battezzato Bovanenkovo.

    Durante l'era sovietica, i tentativi di sviluppo del giacimento di Bovanenkovo si rivelarono fallimentari a causa dell'avvento della Perestroika e della difficile situazione economica prevalente nel Paese. Gazprom ha iniziato le operazioni di costruzione nel 2008, e nel 2012 iniziò finalmente la produzione di gas: Silva Leonidovna presenziò all’inaugurazione come ospite d’onore.

    È proprio qui, nel più moderno sito di produzione di gas della Gazprom, che mi porterà questa nuova avventura in Russia. A differenza dell’ultima volta saranno tre giorni di duro lavoro dai ritmi serratissimi, trattandosi di un viaggio per la stampa con più di cinquanta giornalisti da tutta Europa, una decina di esperti e rappresentanti di varie aziende del settore, per un totale di ottantotto persone sotto la guida del sottoscritto e un paio di colleghi del team del mio cliente.

    Cominciamo.


    Capitolo 1: Моего чемодана нет!

    Due mesi e mezzo di preparativi, numerosi grattacapi e altrettanto numerosi capelli bianchi in più sono finalmente giunti a termine. È il primo weekend veramente soleggiato a Berlino da diverse settimane a questa parte, e ovviamente devo partire.

    Un po’ per curiosità, un po’ per evitare Schönefeld, all’andata decido di prendere la MIAT Mongolian Airlines, che opera due volte alla settimana la Berlino-Mosca-Ulan Bator, con la prima tratta prenotabile in quinta libertà (giusto?).

    A Tegel c’è una discreta folla, compresi i banchi di accettazione per il mio volo. Interessante la varietà di bagagli da stiva e a mano: da valigie di varia dimensione e fattura a cassette di fiori freschi, quest’ultime apparentemente di proprietà di un equipaggio MIAT in volo fuori servizio. In generale ho la sensazione che ci sia un discreto numero di crew e “amici di”, che porteranno il riempimento della cabina di business al 100%. Persino lo sveglio addetto al check-in dei banchi di economy, che mi fa passare avanti, mi chiede se io sia un membro dell’equipaggio. Gli rispondo di no e comincia a spiegarmi che avevo sbagliato fila, ma in realtà mi ero correttamente messo in attesa per il banco dedicato alla business… boh.

    Ottengo velocemente la carta d’imbarco e mi dirigo alla lounge. I passeggeri MIAT a Tegel possono usufruire della saletta British Airways, posta in zona landside al terminal A: l’offerta di bevande e cibo è desolante, l’ambiente senza infamia e senza lode. Come direbbe qualcuno in francese, comunque, ”meglio di un calcio in culo”










    Puntuale alle 13:35 atterra il nostro 737-800, marche JU-1015, uno di tre macchine di questo tipo nella flotta MIAT. Ogni tanto si vede da queste parti anche uno dei loro 767-300, mentre il 737-8 MAX, com’è ovvio, è ancora a terra.




    Con calma passo i controlli per i gate A12/A13 e aspetto. L’imbarco comincia senza particolari annunci, né tantomeno viene fatta rispettare alcuna eventuale priorità. Poco male, ci sarà sicuramente spazio nella cappelliera per il mio bagaglio.




    TXL-SVO
    OM136
    14:55 LT - 18:20 LT (ATD 15:20 – ATA 18:45)
    LF: J 12/12, Y ?/162
    Boeing 737-8SH | MSN: 41318 | LN: 4902 | First flight: 26/04/2014
    JU-1015, named “Guyug Khaan”
    Seat 2A


    La cabina si presenta bene: comodi i sedili e sempre gradevole lo Sky Interior. Buono lo spazio per le gambe.






    Diamo un’occhiata a cosa c’è nella tasca del sedile davanti.

    Safety card:


    Rivista di bordo più Forbes e un altro business magazine, rigorosamente in mongolo.


    Delle cuffie simil-noise cancelling, di qualità non superlativa ma comunque molto gradite.




    L’IFE è di buona qualità seppur carente in termini di contenuti. Conto in tutto dodici film in inglese, il resto (sotto la categoria “classici” ) sembra una rassegna del cinema mongolo d’essai degli anni ’70. Apprezzabile, invece, la piccola sezione dedicata alla storia della compagnia. Un aspetto negativo dello schermo in sé è che non se ne può cambiare l’angolazione nel momento in cui la persona di fronte reclina lo schienale.





    Prima del decollo viene servito un piccolo drink, a scelta acqua o succo d’arancia.



    Stacchiamo e decolliamo con circa venticinque minuti di ritardo, di cui non recupereremo nemmeno un secondo. Sul piazzale nord si vede l’A321 della Flugbereitschaft, poi partito in ritardo a causa di un guasto tecnico con a bordo il ministro degli affari esteri.




    La pareidolia o illusione pareidolitica (dal greco εἴδωλον èidōlon, "immagine", col prefisso παρά parà, "vicino") è l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale. (da leggersi sulle note dell’Aria sulla quarta coda di Bach). Questo dice Wikipedia, e adesso ho imparato che la tendenza a riconoscere forme nelle nuvole ha un nome. Sia come sia, a me qui sembra di vedere un orso.


    Viene distribuita una hot towel in tessuto, servita da un elegante cestino di vimini come se fosse del pane. Subito dopo, mezz’ora dopo il decollo, comincia il servizio di bordo.

    Aperitivo con noccioline (in bustina e non tiepide, ahi ahi) e birra russa Zhiguli, courtesy of Aeroflot.




    Segue poco dopo il pasto, per fortuna nulla di troppo pesante. Mangio giusto le due fettine di tacchino (?) e il pezzettino di melone.


    Posate profetiche?


    Le destinazioni sulla tovaglietta corrispondono al mio itinerario.


    Al confine fra la Lituania e la Bielorussia.




    Ormai manca poco.


    La sterminata distesa di palazzoni di Mosca.


    SVO con a sinistra il nuovo complesso dei terminal B e C, dedicati ai voli nazionali e una volta noti come Sheremetyevo-1. Sulla destra, invece, il vecchio Sheremetyevo-2, ora terminal F, e i nuovi terminal D ed E.


    Questo dovrebbe essere un Sapsan, ovvero il treno ad alta velocità in servizio fra Mosca e San Pietroburgo.


    Fauna locale.




    Una volta parcheggiati al terminal F, raccolgo i miei averi e corro verso il controllo passaporti, che è esattamente l’opposto rispetto alla mia ultima esperienza a SVO nel medesimo terminal, più di dieci anni fa. Ricordo gli occhi glaciali dell’agente, compreso il trucco e parrucco modello “Novosibirsk 1975”, e i sudori freddi mentre lo sguardo passava ripetutamente dal passaporto alla mia faccia e viceversa.

    Stavolta, invece, la simpatica agente mi guarda solo una volta, controlla il visto con la lente d’ingrandimento e poi mi saluta con un abbozzo di sorriso. Il tutto dura circa due minuti, compresa l'attesa in fila.

    Ora non resta che recuperare la valigia prima di incontrare i colleghi nella zona arrivi. Passa più di mezz’ora prima che il nastro cominci a muoversi, e in pochi minuti tutte e quindici le persone scese a Mosca tornano in possesso dei propri bagagli.


    Beh, quasi tutte. Il titolo di questo capitolo, se ve lo foste chiesti, si legge più o meno “maievó cimadàna nyet” e vuol dire “la mia valigia non c'è”. Ecco, non mi pareva carino riportare testualmente gli zooteologismi che ho pronunciato nel momento in cui mi sono reso conto che la mia valigia non sarebbe mai arrivata.

    In un altro, incredibile momento di premurosa assistenza, l’addetta al lost and found mi vede un po’ incredulo e prepara subito la pratica per il PIR. Scoprirò l’indomani, chiamando il numero fornitomi, che la valigia è rimasta a bordo ed è finita a Ulan Bator, e non ritornerà a Mosca prima di mercoledì, cioè il giorno del mio rientro a Berlino. Speriamo bene…

    Ringrazio la mia lungimiranza, che mi porta ad avere sempre almeno un cambio nonché il mio nécessaire nel bagaglio a mano, per non parlare di tutti i documenti e le liste che mi serviranno per il viaggio stampa nei prossimi due giorni.

    Raggiungo i colleghi e dopo un’oretta sono nella mia stanza nell’hotel Azimut Smolenskaya, di fronte al ministero degli affari esteri. L’albergo è senza infamia e senza lode, la posizione però è molto comoda, a pochi minuti a piedi dalle fermate della metro di Smolenskaya e Kievskaya.


    Ceniamo nella superturistica via Arbat e facciamo una passeggiata fino alla Piazza Rossa prima di rientrare in albergo.






    Dopo uno shopping d'emergenza, passo l’intera giornata di lunedì a preparare la conferenza stampa per i giornalisti che parteciperanno al viaggio e l’annessa cena, il che vuol dire che finisco di lavorare verso mezzanotte. Dal ventitreesimo piano dell’Azimut la vista è mozzafiato:





    Capitolo 2: Gita fuori porta nello Yamal

    La sveglia suona brutale alle quattro, e alle quattro e mezza sono già di nuovo giù per sincerarmi che sia tutto pronto per il transfer per l’aeroporto. Oggi, infatti, faremo una gita in giornata con un volo charter di Gazprom Avia verso il sito di Bovanenkovo, a tre ore di volo da Mosca.

    Miracolosamente, tutti i partecipanti arrivano in tempo e possiamo partire verso l’aeroporto di Mosca Vnukovo. Il sole è già sorto da quasi due ore e posso fare un po’ di sightseeing dal pullman.

    Ecco l’università statale di Mosca.


    All’ingresso di Vnukovo campeggia questo bellissimo Tupolev Tu-104B.


    L’aerostazione è ampia e moderna.




    Tutto pronto per il check-in ai banchi 114 e 115. Sono fra i primi in fila e ricevo in breve tempo la mia carta d’imbarco con il posto 16F, al finestrino, come avevo chiesto. Tutto contento, torno verso i miei colleghi prima di sentirmi chiamare dall’addetto al check-in, che è venuto a cercarmi e mi prega di tornare al banco. Afferma di avermi dato il posto sbagliato, chiede di restituirgli la carta d’imbarco e la strappa. Un po’ sorpreso, temo già il peggio (un posto lato corridoio o, peggio, centrale), ma lo stupore è ancora più grande quando mi ritrovo in mano una carta d’imbarco per il posto 5A. Business class. Continuo a non capire, ma non faccio domande e me lo tengo stretto.






    Segue una corsa al cardiopalma per i controlli, avendo dovuto aspettare un ritardatario residente a Mosca che arriva un minuto prima della chiusura del check-in, e mi imbarco per penultimo al gate 8.


    Data la numerosità del gruppo, mi era già stato anticipato che avremmo volato con uno dei 737-700 di Gazprom Avia, nello specifico RA-73004, in forze alla fu Jet Airways fino al dicembre 2007.



    VKO-Bovanenkovo
    4G9603
    07:00 LT - 12:00 LT (ATD 07:05 – ATA 12:15)
    LF: J 20/20, Y 68/102
    Boeing 737-76N | MSN: 28635 | LN: 734 | First flight: 05/12/2000
    RA-73004
    Seat 5A


    I diciotto anni dell’aereo, a bordo, si vedono tutti, ma in compenso i sedili sono morbidi e comodissimi.




    Amenity kit.


    Safety card.






    Stacchiamo puntualissimi alle sette in punto e dopo pochi minuti decolliamo, credo dalla pista 24, passando accanto a un po’ di fauna locale governativa.

    Ilyushin Il-96-300.


    Tupolev Tu-204-100 e -300 (credo).






    L’equipaggio passa con la solita hot towel che lascia i pelucchi sulle mani, proprio come me la ricordavo due anni fa, e poi è la volta di tovaglia e tovagliolo in cotone inamidato, con un primo giro di bevande – tutte rigorosamente analcoliche. Nei siti di produzione di gas l’alcol è bandito, e tale divieto sembra estendersi anche ai voli da e per gli stessi, compreso il nostro.


    Sempre come due anni fa (vedere il mio vecchio TR per credere), il vassoio è di dimensioni disumane, tanto che non so dove appoggiare le posate. Se non altro, stavolta è discretamente commestibile, e il pasto caldo è effettivamente caldo, non tiepido.




    Fuori sorvoliamo zone scarsamente popolate.




    Dopo un paio d’ore di volo il paesaggio si fa notevolmente più… siberiano.










    Curiose queste formazioni nuvolose.


    Inizia la discesa e in breve tempo siamo in corto finale per Bovanenkovo. Secondo il comandante, il tempo è buono, con una temperatura di circa -4°C, sole e poco vento.




    Atterriamo alle 12:15 locali, 10:15 ora di Mosca, in quello che è a tutti gli effetti un aeroporto privato della Gazprom, essendo stato costruito unicamente per consentire gli spostamenti da e per il sito di Bovanenkovo.




    Adoro questi aeroporti in mezzo al nulla, tanto più se intorno a noi c’è solo una distesa di neve.


    In fondo alla scaletta ci attendono i capoccia del sito, che ci stringono la mano uno a uno in segno di benvenuto prima di salire con noi sul bus interpista.






    AC è arrivata anche qui!




    In fondo al piazzale vedo due Mil Mi-8 della Gazprom Avia. Stavolta non avrò il piacere di volarci: dato il poco tempo a disposizione, diamo la priorità alle troupe televisive per le loro riprese.


    A terra c’è già un SSJ di Gazprom Avia e ne atterra un altro subito dopo di noi.


    La piccola area di riconsegna bagagli.


    Non c’è tempo da perdere: fuori ci attendono già gli speciali mezzi stile Spetsavtotrans, una via di mezzo fra un bus e un fuoristrada, indispensabili per muoversi in sicurezza su strade non sempre asfaltate. Visiteremo il sito in sette gruppi, ciascuno con due rappresentanti della Gazprom Dobycha Nadym a fare da cicerone per l’intera durata della visita, oltre naturalmente a un interprete.


    Cominciamo il tour in questo luogo remoto.


    Continua…
    Ultima modifica di venexiano; 26th May 2019 a 02: 09

  2. #2

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Spettacolare! Non oso immaginare il seguito che già pregusto. Grazie anche per l'info sull'operativo di MIAT da TXL a SVO.

  3. #3

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Non puoi farmi godere con MIAT in business per poi terminare subito a Mosca senza arrivare ad ULN. Sei crudele. Peccato.

  4. #4

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Prima ancora di leggere sto già sbavando.

    Ah, e sappi che se dovrò scucire 4000 euri in futuro, sarà (anche) colpa tua.
    Are we there yet? Stories from the road.

  5. #5

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    l'inizio è pre-orgasmico!

  6. #6
    Member L'avatar di A381
    Registrato dal
    Jul 2007
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    637

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    spettacolo!
    Ma lavori per gasprom ?

  7. #7
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,890

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Che TR! Un piacere da leggere come tutti i tuoi.

    Bello il dettaglio del logo ricamato nel sedile.

    Attendo con molta curiosità l'OT

    DaV
    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  8. #8
    Moderatore L'avatar di FlyKing
    Registrato dal
    Apr 2011
    residenza
    Genova - LIMJ
    Messaggi
    5,732

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Ma che figata
    Chiediti se quello che stai facendo oggi, ti avvicina al luogo dove vorresti essere domani.

  9. #9

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Che spettacolo! Grazie per questi TR da insider.

  10. #10
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito [TR] Primavera sul permafrost

    Grazie!

    Quote Originariamente inviato da ALESSIO78 Visualizza il messaggio
    Non puoi farmi godere con MIAT in business per poi terminare subito a Mosca senza arrivare ad ULN. Sei crudele. Peccato.
    È un TR multisensoriale. Ho voluto trasmettere la cocente delusione che ho provato dopo che mi hanno perso la valigia.

    Quote Originariamente inviato da A381 Visualizza il messaggio
    spettacolo!
    Ma lavori per gasprom ?
    No, o perlomeno non direttamente. La mia azienda cura la comunicazione di uno dei principali gasdotti attualmente in costruzione, di proprietà Gazprom e cofinanziato da cinque grandi aziende europee.
    Ultima modifica di venexiano; 26th May 2019 a 15: 23

  11. #11
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Capitolo 3: Gas giurassico, impianti all’avanguardia




    I nostri ospiti ci danno il benvenuto nell’auditorium dell’edificio centrale e snocciolano qualche dato sul sito di Bovanenkovo. Per prima cosa, bisogna farsi un’idea delle sue dimensioni: con un’estensione di 58 per circa 15-32 chilometri, occupa un’area di più di 1400 chilometri quadrati, paragonabile a quella di una metropoli come Londra.


    La Gazprom Dobycha Nadym, cioè la succursale responsabile per il sito, ha il suo quartier generale appunto a Nadym, ovvero 600 chilometri a sud di dove ci troviamo. Le enormi distanze hanno reso necessaria la costruzione di aeroporti e ferrovie dedicate.

    Le condizioni climatiche, qui a nord, sono dure: l’inverno dura dai primi di ottobre alla fine di maggio, e le altre tre stagioni si alternano fra giugno e settembre. Siamo giunti appena in tempo per l’inizio della primavera.

    Non meno difficili sono le caratteristiche del sottosuolo: per estrarre il gas è necessario attraversare decine di metri di permafrost. È quindi necessario fare la massima attenzione per evitare che il calore delle trivelle e delle strutture faccia salire la temperatura e sciogliere il permafrost, compromettendo la resistenza del terreno.

    Abbiamo modo di osservare un bel plastico della penisola dello Yamal che illustra in maniera efficace gli strati geologici del sottosuolo.




    Il gas prodotto a Bovanenkovo arriva da giacimenti posti in notevole profondità, principalmente dagli strati cenomaniano (fra i 520 e i 700 metri) e apt-albiano (1200-2000 metri). In quella che è la prima infrastruttura integrata del suo genere in Russia, con più di 500 singoli punti di estrazione, arriva gas contenente metano, acqua, sabbia e idrocarburi complessi. Il gas viene trasportato verso gli impianti di trattamento tramite le condotte visibili in superficie. Qui viene poi depurato in un efficiente processo di separazione a bassa temperatura mediante l’utilizzo di moderni turboespansori. Il metano puro così ottenuto viene poi pompato nei gasdotti verso l’occidente, il cosiddetto "Northern Corridor", a una pressione di circa 120 bar.

    Partiamo con la visita del sito. Indispensabile l’elmetto per poter entrare in tutta sicurezza nei singoli impianti.




    L’avvertenza di allacciare le cinture è più di una semplice formalità: a causa del terreno a tratti sconnesso sembra infatti di volare sulle montagne russe (no pun intended).




    Fuori, tralicci chilometrici e poi il nulla.






    Arriviamo alla trivella principale del sito n°2.


    Raccomandazioni ai dipendenti: non arrivare al lavoro ubriaco, altrimenti il lavoro lo perdi; mai chiudere un occhio sulle violazioni delle norme di sicurezza; dare sempre il buon esempio.






    Impianti di depurazione e trattamento del gas. L’ordine e la pulizia, nelle aree che ci vengono mostrate, sono esemplari.








    La piccola parte di condensato in eccesso viene eliminata tramite la classica torcia o flare stack.




    Nel processo di separazione, il gas viene portato a temperature inferiori ai -36°C per facilitare l’eliminazione delle impurità.




    Tutto chiaro, no?










    Il centro di controllo del sito n°2 di Bovanenkovo, dove ci troviamo noi.











    A Bovanenkovo ci sono circa 1500 dipendenti che lavorano in turni di 12 ore, con rotazione mensile: un mese a casa e un mese in loco. Per rendere il più confortevole possibile la permanenza dello staff, oltre ai dormitori ci sono sale da biliardo, una palestra, una piscina, una piccola biblioteca, una clinica con medici di quasi tutte le specializzazioni, e persino una piccola chiesa.




















    Non manca, ovviamente, la mensa. Un bel borsch caldo è quello che ci vuole.




    Terminiamo il tour con la visita di un cosiddetto cluster di pozzi di gas, sostanzialmente un gruppo di pozzi di cui è stata completata la trivellazione. Qua fuori comincia a fare molto freddo.






    Adesso è ora di tornare in aeroporto, a un tiro di schioppo dall’ultima tappa del tour.








    I gruppi rientreranno in aeroporto a scaglioni. Come ultimo punto del programma abbiamo la possibilità di acquistare prodotti locali in un mercatino di indigeni Nenets. Spendo tutti i rubli che mi sono rimasti e intasco della carne di renna, oltre a un paio di oggettini ricamati da portare a casa come souvenir. È indubbiamente il classico progetto di CSR ben consolidato: riconosco due signore che avevo già visto due anni fa durante una tappa nella cittadina di Yar-Sale, e anche loro si ricordano di me.




    Faccio il check-in e passo i controlli fra i primi, dovendo tenere tutti sotto controllo.




    RA-73004 è pronto a riportarci indietro.




    Aspettiamo che il nostro fotografo prenda posizione su una scaletta per la foto di gruppo e poi ci imbarchiamo.





    Bovanenkovo-VKO
    4G9603
    21:30 LT - 22:30 LT (ATD 22:16 – ATA 23:22)
    LF: J 20/20, Y 67/102
    Boeing 737-76N | MSN: 28635 | LN: 734 | First flight: 05/12/2000
    RA-73004
    Seat 5A





    Si torna sempre in business, per chissà quale motivo.


    Taxiing veloce e via verso la capitale.


    Bol’shoe spasibo i do svidaniya, Bovanenkovo!




    Il volo di ritorno è un po’ la fotocopia dell’andata, compreso il famigerato pasto Gazprom Avia.








    Passo il tempo rimanente fino a Mosca a distribuire un souvenir e a fare due chiacchiere con i partecipanti per raccogliere le loro impressioni. Poco dopo le 23:00 siamo già in avvicinamento a Vnukovo, dove parcheggeremo di nuovo al gate 8.




    Continua…

  12. #12

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Bellissimissimo, grazie mille.
    Are we there yet? Stories from the road.

  13. #13
    Moderatore L'avatar di BGW
    Registrato dal
    Mar 2008
    residenza
    SCL
    Messaggi
    2,918

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Figata. Davvero unico nel suo genere!
    London Heathrow is a state of mind

  14. #14
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Capitolo 4: Вот Ваш чемодан!

    Sfinito, crollo a letto poco prima delle due e alle cinque e mezza sono già di nuovo in piedi, in quanto devo accompagnare i primi ospiti in partenza ai loro rispettivi transfer. Ho scelto apposta il “turno” di mattina presto in modo da avere un paio d’ore libere in mattinata e godermi una Mosca baciata dal sole.






    Per tornare prendo la metropolitana, sempre un piacere per la bellezza delle sue stazioni e la sua efficienza.


    Un ultimo saluto a Sergey (Lavrov, il ministro degli esteri) e si parte per Sheremetyevo.


    Miracolosamente al terminal E riesco a recuperare il bagaglio (“Вот Ваш чемодан!”, cioè “Ecco la Sua valigia!”) che si è fatto una gita in Mongolia, e posso procedere direttamente al check-in al terminal D. Tutto nuovo e gradevole, seppure un po’ démodé come colori, soprattutto dietro ai banchi check-in.




    Comincio a essere abbastanza stanco, quindi limito al minimo le foto in attesa di imbarcarmi. Vi propongo giusto qualche scatto del terminal D, compresa la nuova lounge “Sankt-Peterburg”, che francamente non è nulla di memorabile.










    SVO-SXF
    SU2316
    19:35 LT - 21:25 LT (ATD 19:49 – ATA 20:59)
    LF: J 9/16, Y ?/167
    Airbus A321-211 | MSN: 7801| First flight: 04/08/2017
    VP-BKQ, aircraft name: “D. Mendeleev”
    Seat 2A


    Arrivo al gate che l’imbarco è già iniziato e in pochi minuti sono a bordo. La cabina si presenta molto bene.




    Amenity kit e ciabattine.


    I premurosi assistenti di volo distribuiscono il menù e prendono le ordinazioni per il drink pre-decollo. Per ora solo acqua. Passano anche con una hot towel.






    La gentilissima purser Daria dà il benvenuto a bordo e (tocco di classe) ci informa che viaggiamo su un aereo intitolato al grande chimico Dmitry Mendeleev, inventore della tavola periodica degli elementi.


    Di fianco a noi c’è il retrojet Aeroflot.


    Stacchiamo in leggero ritardo e decolliamo dalla 24L.








    Mezz’ora dopo il decollo Daria, nella sua sobria uniforme arancione con falce e martello ricamata su polsini, bavero e bustina, apparecchia il mio tavolino. Si inizia con l’aperitivo: noccioline tiepide e un bicchiere di Bollinger.


    Segue l’antipasto di salmone marinato alla barbabietola, delizioso.


    Come piatto principale mi faccio mostrare due delle tre opzioni, ovvero la spigola al forno e i medaglioni di manzo (la pasta nemmeno la prendo in considerazione: mi ispira di più il pesce. Buono, più di quanto non sia bello.


    Sale e pepe con logo. Ora sono nella mia cucina.


    Si finisce con il dessert, un decorosissimo gelato alla vaniglia con mandorle, e un’altra hot towel.




    Voliamo verso occidente e pian piano il sole si fa più basso.


    L’atterraggio a Berlino Schönefeld avviene con 25 minuti di anticipo, cosicché alle 21:25, orario previsto di arrivo, sono già sul taxi verso casa.


    Alla prossima!
    Ultima modifica di venexiano; 17th July 2019 a 12: 34

  15. #15

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Stavo appunto per chiedere se quella saliera e pepiera... Bravo! Grazie mille per il viaggio.
    Are we there yet? Stories from the road.

  16. #16
    Moderatore L'avatar di I-DAVE
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    vicino al Soviet di Pirelligrad, dove chi critica è presentuoso
    Messaggi
    9,890

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Ben scritto e con ottime fotografie, come sempre! La parte OT è molto interessante, non si vede tutti i giorni l'interno di un impianto di estrazione gas.



    Cosa sono quelle cose marroni nel piatto dei formaggi? Noccioline non sgusciate o fagioli?

    DaV
    Why don't you ask the kids at Tienanmen square?
    Was fashion the reason why they were there?

  17. #17
    Moderatore L'avatar di londonfog
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    Londra
    Messaggi
    7,901

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Bello e molto interessante

  18. #18
    Junior Member L'avatar di mggt
    Registrato dal
    Sep 2016
    residenza
    plus ultra
    Messaggi
    262

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    +1 molto bello e interessantissimo davvero.

    l'apron con i governativi a Vnukovo e' esattamente l'equivalente dell'apron nord di TXL.
    MGGT (non-native speaker, with italian roots)

  19. #19
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Grazie!

    Quote Originariamente inviato da I-DAVE Visualizza il messaggio
    Cosa sono quelle cose marroni nel piatto dei formaggi? Noccioline non sgusciate o fagioli?

    DaV
    La prima che hai detto, o almeno credo...

  20. #20

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Semplicemente spettacolare e meraviglioso!!!
    Grazie mille per la condivisione e tutte le informazioni e foto di Bovanenkovo.

  21. #21
    Senior Member
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Padova, Veneto.
    Messaggi
    5,113

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Che gran report, è affascinante vedere da dove arriva un prodotto di uso quotidiano, direi anche "scontato", ma allo stesso tempo complesso come il gas, e soprattutto vedere come sono organizzati i siti di estrazione "estremi".

    Per quanto riguarda la parte aviatoria...
    1- Bella chicca quella di spiegare chi era Mendeleev, chissà se lo fanno con tutte le macchine, sarebbe bello (peraltro fatalità quasi a tema col tuo viaggio!).
    2- Ma... il kit sale & pepe, hai controllato che sul fondo non ci fosse scritto "fregato a bordo" come su quelli della Virgin?

  22. #22
    Socio 2015
    Registrato dal
    Nov 2005
    residenza
    Berlino
    Messaggi
    1,188

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Quote Originariamente inviato da Blitz Visualizza il messaggio
    2- Ma... il kit sale & pepe, hai controllato che sul fondo non ci fosse scritto "fregato a bordo" come su quelli della Virgin?
    In realtà tutto è avvenuto con il tacito consenso dell'assistente di volo, che ha grattato via la scritta da te citata

  23. #23
    Senior Member
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Padova, Veneto.
    Messaggi
    5,113

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Hahaha che mito!

  24. #24

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Giusto per capire. Sai quanto danno agli operari che lavorano lì?

  25. #25

    Predefinito Re: [TR] Primavera sul permafrost

    Stupendo! Sono sempre stato affascinato dal Grande Freddo e da tutto ciò che è industria e opere ingegneristiche nell'ex URSS. Avrei solo paura di saltar per aria in ogni momento....
    Grazie!

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

Discussioni simili

  1. GOA Inizio primavera
    Da zeneize nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 19th April 2015, 12: 49
  2. [HELP] U.S.A. Primavera 2012
    Da tommysound nel forum Viaggiare in aereo
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 6th December 2011, 18: 15
  3. primavera a mxp
    Da ale78 nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 23rd March 2010, 21: 09
  4. [BGY/LIME] Primavera
    Da piolob nel forum Spot IT - L'angolo dello spotter
    Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 24th April 2009, 12: 28
  5. In primavera arriva il BDS-TRN?
    Da Alex84 nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 4th December 2008, 09: 59

Segnalibri

Segnalibri

Permessi di invio

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •